Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Nella torrida Sepang si impone Hayden

Nella torrida Sepang si impone Hayden

Nella torrida Sepang si impone Hayden

Una sessione concitatissima di tre giorni di prove si è chiusa oggi pomeriggio a Sepang sotto un cielo sempre azzurro che ha permesso ai piloti di esprimersi al meglio. Il sorriso più largo del paddock alla fine era quello di Nicky Hayden che sprizzava gioia da tutti i pori mentre, con la sua squadra, decideva di chiudere i battenti e fare i bagagli all'una di pomeriggio! Il lavoro deciso per questi test è concluso, è stata la spiegazione, e adesso si può andare in Australia con il morale alle stelle. E ha ben ragione di sorridere il giovane americano, perché ha fatto un tempo stratosferico: 2'02.041 e per di più nel corso di una simulazione di gara.

"Sarebbe facile far finta di nulla e dire che in fondo non mi importa di aver fatto questo tempo, ma non è così! Sono entusiasta! Però questo è un test, ricordiamocelo," ha detto raggiante il ragazzo del Kentucky, che si è migliorato di otto decimi da ieri. Il giro record di Hayden ha suscitato l'ammirazione di tutto il paddock, anche se bisogna sottolineare che è stato realizzato al mattino, con la temperatura un po' più fresca del solito. "Abbiamo fatto un sacco di progressi qui, specialmente con le Michelin. L'anteriore da 16.5 è grandiosa e sono sicuro che mi aiuterà ad avvicinarmi al limite. Sono uno di quei piloti a cui non da fastidio se la moto dietro si muove e finora non avevo mai provato la sensazione di fiducia che ti da questa nuova gomma sull'anteriore".

Tutti gli altri piloti Honda, ad eccezione di Alex Barros, hanno girato sotto il 2'03 e così ha fatto Valentino Rossi con la sua Gauloisese Fortuna Yamaha. La giornata è proseguita con lentezza dopo la chiusura anticipata di Hayden: alcuni hanno continuato con le loro simulazioni di gara, altri sono stati semplicemente costretti a fermarsi perché avevano finito i ricambi o i treni di gomme da provare. Tutti i piloti Honda erano ovviamente molto contenti del loro risultato mentre tutt'altra aria si respirava in Yamaha. Rossi e Checa hanno fatto dei progressi ma Melandri e Abe sono sembrati ancora in gran difficoltà nonostante abbiano migliorato i loro tempi.

Giornata dura anche per i piloti Ducati, anche se hanno girato più veloci. Troy Bayliss è stato fermato con tre ore di anticipo da un problema serio alla moto ed una cosa simile è successa, ancora prima, a Neil Hodgson. Tuttavia quanto meno loro qualche giro lo hanno potuto fare, diversamente da Ruben Xaus che, penalizzato da problemi elettrici come nei due giorni precedenti, è apparso visibilmente frustrato dalle difficoltà della squadra.

La Suzuki, la Kawasaki e la Moriwaki non seguiranno le altre squadre in Australia ma le prime due ci andranno il prossimo 23 febbraio. Per entrambe c'è stata la soddisfazione di vedere dei progressi, la Suzuki addirittura senza l'apporto dei suoi piloti titolari, anche se hanno dovuto finire prima perché la Bridgestone aveva finito le gomme. L'Aprilia oggi ha girato sia con Byrne sia con McWilliams, nonostante quest'ultimo abbia la sospetta frattura di una costola dopo la caduta di ieri, perché ha bisogno di fare il maggior numero di chilometri possibile con le altre squadre.

Il prossimo appuntamento è dunque previsto in Australia dove Honda, Yamaha, Ducati ed Aprilia proveranno a Phillip Island nello stato Vittoria, a cominciare da martedì 17 febbraio .

Tempi non ufficiali forniti dal Circuito Internazionale di Sepang.

Nicky Hayden (Honda) – 2'02.041
Max Biaggi (Honda) – 2'02.108
Sete Gibernau (Honda) – 2'02.496
Colin Edwards (Honda) – 2'02.597
Valentino Rossi (Yamaha) – 2'02.746
Makoto Tamada (Honda) – 2'02.962
Carlos Checa (Yamaha) – 2'03.100
Loris Capirossi (Ducati) – 2'03.530
Troy Bayliss (Ducati) – 2'03.554
Alex Barros (Honda) – 2'03.558
Kousuke Akiyoshi (Suzuki) – 2'03.729
Shinichi Itoh (Honda) – 2'04.076
Shinya Nakano (Kawasaki) – 2'04.625
Neil Hodgson (Ducati) – 2'04.674
Marco Melandri (Yamaha) – 2'04.753
Gregorio Lavilla (Suzuki) – 2'05.756
Alex Hofmann (Kawasaki)– 2'04.817
Ruben Xaus (Ducati) – 2'04.929
Norick Abe (Yamaha) – 2'05.059
Shane Byrne (Aprilia) – 2'05.150
Jeremy McWilliams (Aprilia) – 2'06.574
Andrew Pitt (Moriwaki) – 2'06.912

Tags:
MotoGP, 2003, Nicky Hayden

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›