Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Edwards smuove le acque a Phillip Island

Edwards smuove le acque a Phillip Island

Edwards smuove le acque a Phillip Island

Dopo la sessione di test della settimana scorsa in Malesia, la MotoGP si è spostata a sud dell'equatore, a Phillip Island, Australia, per altri tre giorni di test. La sessione è cominciata oggi in condizioni ideali, con una temperatura dell'aria intorno ai 23° e 41° in pista, rinfrescata da una brezza leggera che ha fatto da perfetto contrasto con il clima afoso e bollente di Sepang.

Il pilota Honda Colin Edwards ha mantenuto il buono stato di forma mostrato in Malesia ed oggi ha messo il suo nome davanti a tutti nella lista dei tempi, con un ufficioso 1'31.06 - ad un secondo dalla pole di Valentino Rossi nella gara dell'anno scorso, nonostante sia la prima volta che guida la RC211V su questa pista. "Texan Tornado" ha accreditato la squadra, guidata da Fabrizio Cecchini, del merito dei suoi progressi.

"La moto va bene e ogni volta che la guido imparo di qualcosa in più e sono veloce," ha commentato Edwards, che l'anno scorso aveva esordito in MotoGP in sella all'Aprilia. "Penso di conoscerla bene ormai e con Fabrizio siamo riusciti a trovare immediatamente il set up giusto grazie ai dati dell'anno scorso di Sete (Gibernau) e di Valentino (Rossi). Ho guidato bene, senza andare oltre il limite e penso ci sia ancora da togliere a questo tempo".

Il suo compagno di squadra, Sete Gibernau, oggi è stato il secondo più veloce davanti ai due rivali italiani, Valentino Rossi e Max Biaggi, a pari merito. Il pilota della Yamaha ha continuato il lavoro sul nuovo motore, che aveva provato per la prima volta a Sepang, dedicando anche parecchio tempo a cercare di migliorare la stabilità dell'anteriore della sua M1 che, come tempo di riferimento può confrontarsi con l'1'31.227 di Marco Melandri in qualifica l'anno scorso, che gli era valso la settima posizione sullo schieramento di partenza.

Melandri poi in gara era caduto mentre lottava per la leadership ed è tutt'ora in convalescenza dall'operazione alla spalla resa necessaria proprio da quella caduta . L'italiano tuttavia oggi ha riportato qualche progresso, girando solo con gomme usate mentre faceva prove di durata per aumentare la sua resistenza, e quindi facendo uscite da dieci giri alla volta, con una breve pausa tra una e l'altra.

Anche Jeremy McWilliams oggi ha cercato di superare le conseguenze della caduta di Sepang dopo che una radiografia ha confermato la frattura di una costola. "Questa pista è più filante di Sepang e quanto meno qui riesco a guidare la moto," ha commentato McWilliams che nel 2002 aveva fatto la pole con la Proton KR3 due tempi. "Ogni tanto il dolore si fa troppo intenso e devo fermarmi per un po' ma il lavoro da fare è tanto quindi vado avanti".

Tempi ufficiosi:

Colin Edwards (Honda) – 1'31.06
Sete Gibernau (Honda) – 1'31.37
Valentino Rossi (Yamaha) - 1'31.40
Max Biaggi (Honda) – 1'31.40
Nicky Hayden (Honda) – 1'31.67
Alex Barros (Honda) - 1'31.75
Makoto Tamada (Honda) – 1'31.84
Ruben Xaus (Ducati) – 1'32.11
Loris Capirossi (Ducati) – 1'32.16
Carlos Checa (Yamaha) – 1'32.32
Troy Bayliss (Ducati) – 1'32.45
Marco Melandri (Yamaha) – 1'32.58
Neil Hodgson (Ducati) – 1'33.18
Shane Byrne (Aprilia) – 1'33.22
Jeremy McWilliams (Aprilia) – 1'33.66
Norick Abe (Yamaha) – 1'34.40.

Tags:
MotoGP, 2003, Gran Premio Marlboro de la Comunitat Valenciana, Colin Edwards

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›