Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La Kawasaki e la Suzuki chiudono le prove in anticipo a Phillip Island

La Kawasaki e la  Suzuki chiudono le prove in anticipo a Phillip Island

La Kawasaki e la Suzuki chiudono le prove in anticipo a Phillip Island

Dopo tre giorni di prove molto intense a Phillip Island, in Australia, le squadre della Kawasaki e della Suzuki hanno deciso di chiudere con un giorno di anticipo la sessione originariamente prevista di 4 giorni. Entrambe le case infatti hanno completato le prove di gomme Bridgestone ed i quattro piloti si sono detti soddisfatti dei progressi ottenuti con le proprie moto. La loro attenzione adesso si rivolgerà ai preparativi per la sessione ufficiale della MotoGP del prossimo 26 marzo a Barcellona quando si confronteranno nuovamente con gli avversari della categoria.

"Questi test ci hanno mostrato i limiti della nostro moto ma sono fiducioso che il programma di sviluppo che abbiamo pianificato da adesso ai test IRTA della fine di marzo, soprattutto per quanto riguarda il motore, ci permetteranno di migliorare le prestazioni," ha commentato il team manager del Fuchs Kawasaki Team, Harald Eckl, che ha visto il suo pilota Shinya Nakano migliorare di ben due secondi il tempo che aveva fatto registrare il primo giorno. "Sono molto soddisfatto che Shinya sia riuscito a fare un bel tempo oggi, nonostante le condizioni non fossero propriamente ideali per girare forte. I test sono stati utili anche alla Bridgestone per raccogliere informazioni preziose sulle loro gomme da gara e sono convinto che anche sotto il punto di vista degli pneumatici vedremo dei progressi da qui alle prove Irta di Barcellona,

Nakano nei primi due giorni aveva un po' penato per trovare l'aderenza sulla gomma posteriore, lamentando di non essersi effettivamente trovato a suo agio con la Ninja ZX-RR, sotto quel punto di vista, sulla velocissima pista di Phillip Island. Invece oggi, grazie ad un set up più indovinato del retrotreno, ha sentito di aver fatto dei progressi. "All'inizio la moto non mi dava molta fiducia ma oggi posso dire che abbiamo fatto un passo avanti," ha detto infatti il giapponese che dopo 82 giri ha fatto il suo miglior tempo in 1'32.61.

"Il problema principale era la mancanza di aderenza della gomma posteriore ma questa mattina, quando le condizioni del tempo sono migliorate, abbiamo trovato un buon set up per il retrotreno. Sono così riuscito a realizzare il mio giro più veloce. Nel pomeriggio invece ci siamo dedicati ai test sulle Bridgestone cercando di fornire più informazioni possibili ai loro tecnici. In generale sono soddisfatto di quello che abbiamo ottenuto ed il fatto che comunque continuiamo a progredire mi da la confidenza necessaria per guardare positivamente ai prossimi test IRTA in Catalogna". "

Il suo compagno di squadra, Alex Hofmann, ha lamentato gli stessi problemi di trazione posteriore ma ha perso l'occasione di sfruttare le condizioni migliori della mattinata perché i suoi tecnici stavano lavorando sulla moto ai box. Ha trovato un set up migliore nel pomeriggio ma, nonostante abbia abbassato il suo tempo, è rimasto deluso di non aver avvicinato quello del compagno.

"Ad essere onesti oggi la giornata per me è stata frustrante," ha commentato Hofmann, che in 62 giri ha ottenuto un miglior crono in 1'33.75. "Le condizioni questa mattina erano perfette ma in quel momento non riuscivo ancora ad avere una buona trazione e la moto si muoveva da tutte le parti. Ho passato la mattina dentro e fuori dai box e questo mi ha impedito per trovare un buon ritmo".

Oggi pomeriggio abbiamo fatto un piccolo passo in avanti ma è difficile quantificare quando effettivamente abbiamo progredito perché le gomme avevano già 17 giri quando ho fatto il tempo. L'ideale sarebbe stato provare il nuovo set up con gomme fresche ma non ci siamo riusciti. In ogni caso, per quanto piccolo, un passo in avanti c'è stato ed è una cosa positiva in vista di Barcellona".

Tags:
MotoGP, 2003, Kawasaki Racing Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›