Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi a Jerez brilla nonostante le nuvole

Rossi a Jerez brilla nonostante le nuvole

Rossi a Jerez brilla nonostante le nuvole

Dopo aver perso almeno un giorno e mezzo a Barcellona per il maltempo, l'ultima cosa che volevano oggi i team della MotoGP era essere accolti dalle nuvole cariche di pioggia che hanno già disturbato i test della 125cc e della 250cc nei giorni scorsi. Invece proprio la pioggia notturna che ha colpito il sud della Spagna ha impedito per tutta la mattina ai piloti di girare su pista asciutta anche se in mattinata aveva smesso di cadere. Solo qualche coraggioso ha affrontato l'asfalto scivoloso nelle prime ore della sessione mentre tutti gli altri hanno aspettato circa le tre del pomeriggio quando i 4.423 chilometri della pista andalusa si sono finalmente asciugati.

Com'era da prevedersi tutti si sono scatenati appena ne hanno avuto la possibilità, e la lotta per le prime posizioni si è fatta subito accesa. Dopo aver sorpreso parecchie persone battendo tutti in Catalogna, Valentino Rossi voleva dimostrare che il suo non era stato un fuoco di paglia e soprattutto che la decisione di abbandonare la Honda non significa che quest'anno non potrà cingersi della corona iridata. Il campione del mondo non solo è stato il primo a scendere sotto il record ma per tutto il pomeriggio ha spinto al massimo la sua M1 fino a registrare un eccezionale 1'42.656 che ha battuto il suo stesso record della pista di 0.132 secondi.

La pioggia è tornata verso le cinque e mezza interrompendo le prove in anticipo ed impedendo agli altri piloti di provare a battere la prestazione di Rossi nelle fasi finali. A sorpresa, alle spalle dell'italiano, si è piazzato Kenny Roberts a dimostrare che la combinazione Suzuki-Bridgestone ha fatto un grande passo in avanti durante l'inverno. Lo conferma anche la sesta posizione di John Hopkins che si sta ancora riprendendo dall'infortunio alle caviglie riportato pochi mesi fa.

Colin Edwards, in terza posizione, è il primo pilota Honda mentre il quarto tempo di Carlos Checa sottolinea il miglioramento fatto dalla Yamaha recentemente, anche perché si è piazzato davanti ad Alex Barros che è passato alla Honda alla fine della scorsa stagione. Il nuovo leader della Kawasaki, Shinya Nakano, è settimo, un'altra prova che il buon lavoro fatto durante l'inverno sta dando i suoi frutti. La classifica dei primi dieci è completata da Sete Gibernau, Nicky Hayden e Makoto Tamada, tutti su Honda mentre Max Biaggi, sempre su Honda è undicesimo.

Chi però ha sofferto di più oggi è stata la Ducati, il cui miglior classificato oggi è il campione del mondo della superbike Neil Hodgson, tredicesimo alle spalle della Kawasaki di Nakano. I due piloti ufficiali Loris Capirossi e Troy Bayliss sono rispettivamente sedicesimo e diciassettesimo con la nuova versione della moto che l'anno scorso è arrivata seconda nel campionato costruttori.

Le prove continuano domani ma le previsioni non sono incoraggianti. Le squadre tuttavia sperano che sia concesso loro di poter sfruttare al meglio l'ultimo giorno in pista prima dell'avvio del mondiale a Welkom il prossimo 18 aprile. I tempi forniti dal Circuito di Jerez:

1. V. Rossi (Yamaha); 1'42.656 - 39 giri
2. K. Roberts (Suzuki); 1'42.761 - 39 giri
3. C. Edwards (Honda); 1'42.771 - 40 giri
4. C. Checa (Yamaha); 1'42.927 - 50 giri
5. A. Barros (Honda); 1'42.974 - 43 giri
6. J. Hopkins (Suzuki); 1'43.314 - 47 giri
7. S. Nakano (Kawasaki); 1'43.386 - 40 giri
8. S. Gibernau (Honda); 1'43.408 - 30 giri
9. N. Hayden (Honda); 1'43.457 - 43 giri
10. M. Tamada (Honda); 1'43.541 - 40 giri
11. M. Biaggi (Honda); 1'43.980 - 40 giri
12. A. Hofmann (Kawasaki); 1'44.009 - 49 giri
13. N. Hodgson (Ducati); 1'44.140 - 45 giri
14. M. Melandri (Yamaha); 1'44.470; 55 giri
15. G. Lavilla (Suzuki); 1'44.494 - 48 giri
16. L. Capirossi (Ducati); 1'44.544 - 27 giri
17. T. Bayliss (Ducati); 1'44.595 - 45 giri
18. R. Xaus (Ducati); 1'44.662 - 50 giri
19. N. Abe (Yamaha); 1'45.564 - 47 giri
20. V. Guareschi (Ducati); 1'48.730 - 29 giri
21. N. Aoki (Proton KR); 1'49.414 - 16 giri.

Tags:
MotoGP, 2004

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›