Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La pioggia rovina la fine dei test a Jerez

La pioggia rovina la fine dei test a Jerez

La pioggia rovina la fine dei test a Jerez

L'ultimo giorno dei test ufficiali della MotoGP a Jerez si è svolto sotto un vero diluvio, con la pioggia che non ha mai smesso di cadere, a vari livelli di intensità, dalle prime ore della mattina. Dopo aver perso quasi tutta la giornata di ieri a causa delle pista umida, i piloti si auguravano di aver maggior fortuna almeno oggi, per approfittare delle ultime, vitali, ore in pista prima dell'inizio della nuova stagione. Invece non c'è mai stata la minima schiarita e tutti i giri percorsi dai piloti hanno avuto come protagonista la pista inondata d'acqua.

Con la prima gara ormai all'orizzonte e le casse pronte a partire per il Sud Africa nel giro di qualche giorno, oggi per i piloti è stata l'ultima occasione di provare qualcosa. Per questo la maggior parte è scesa in pista sotto l'acqua e in pochi hanno preferito rimanere nel tepore dei rispettivi motorhome e delle hospitality.

Ruben Xaus è stato il più veloce della mattina, approfittando di un brevissimo attenuarsi dell'acquazzone, per segnare 1'54.907 sul monitor dei tempi, continuando poi a girare con costanza per adattare al meglio la sua Desmosedici al bagnato. Nel pomeriggio invece è stato Max Biaggi ad approfittare di una lieve diminuzione dell'intensità della pioggia per far registrare il miglior tempo della giornata nel mezzo di una serie di tornate veloci.

"Oggi ho girato solo per migliorare il mio feeling con il nuovo telaio," ha detto, completamente inzuppato d'acqua, l'ex iridato della 250cc, dopo aver girato in 1'53.834. "Ovviamente non vai velocissimo in queste condizioni quindi non è facile trovare le soluzioni che cerchi, ma almeno siamo riusciti a ridimensionare i problemi che avevamo incontrato ieri con il nuovo telaio, ed è stato utile provarci. Abbiamo fatto un buon lavoro. Non vedo l'ora di cominciare il mondiale in Sud Africa, ci sono parecchi piloti competitivi e penso che sarà una gran gara".

Biaggi, e il compagno di marca Nicky Hayden, hanno girato parecchio, date le circostanze, il primo percorrendo un totale di 39 giri, il secondo addirittura 43, compresa una caduta senza conseguenze. Sono caduti anche Norick Abe e Ruben Xaus mentre il campione del mondo Valentino Rossi è uscito di pista. Come spesso accade, Rossi non è però caduto ed ha fatto registrare il suo miglior tempo in 2'00.997, il decimo di oggi. Resta comunque imbattuto il suo migliore di ieri.

I test ufficiali si sono così conclusi, e la prossima volta che tutte le squadre si troveranno insieme sarà per la prima gara del mondiale, a Welkom, per il GP Betanwin.com d'Africa.

I tempi ufficiali forniti dal Circuito di Jerez

1. M. Biaggi (Honda); 1'53.834 - 39 giri
2. R. Xaus (Ducati); 1'54.907 – 29 giri
3. T. Bayliss (Ducati); 1'55.017 - 30 giri
4. A. Barros (Honda); 1'55.544 – 13 giri
5. N. Hayden (Honda); 1'58.695 - 43 giri
6. K. Roberts (Suzuki); 1'58.751 – 7 giri
7. M. Melandri (Yamaha); 1'59.117 - 36 giri
8. V. Guareschi (Ducati); 1'59.783 – 24 giri
9. C. Checa (Yamaha); 2'00.147 - 17 giri
10. V. Rossi (Yamaha); 2'00.997 - 19 giri
11. L. Capirossi (Ducati); 2'01.138 – 13 giri
12. M. Tamada (Honda); 2'02.138 – 20 giri
13. N. Abe (Yamaha); 2'02.240 – 13 giri
14. G. Lavilla (Suzuki); 2'03.219 – 9 giri
15. J. Hopkins (Suzuki); 2'08.494 – 13 giri.

Tags:
MotoGP, 2004

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›