Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rodolfo Hernandez è tornato al fianco di Barros

Rodolfo Hernandez è tornato al fianco di  Barros

Rodolfo Hernandez è tornato al fianco di Barros

Lo scorso week end, in Catalunya, si è rivisto un volto familiare nel box Repsol Honda di Alex Barros, con il ritorno del trainer e fisioterapista Dott. Rodolfo Hernandez, al fianco del brasiliano. L'ex campione del mondo di Tae Kwando, laureato in Fisiologia con un Master in scienze della nutrizione, ha lavorato a stretto contatto con Barros nel 2001 e nel 2002, gli anni in cui il pilota di San Paolo ha raggiunto il massimo della forma vincendo tre gare e conquistando dieci podi – raddoppiando il totale dei successi ottenuti precedentemente in 15 anni di carriera.

A quel tempo Barros aveva attribuito la sua ottima forma allo stretto regime imposto da Hernandez, che aveva ridotto la sua percentuale di grasso corporeo dal 13 al 6.5%, e la sua positività a livello mentale alle tecniche di neuro linguistica applicate dal medico. "La parte di preparazione fisica è stata importante ma anche la sua forza psicologica (di Rodolfo) mi ha fatto sentire davvero forte," ha detto Barros.

"Quando mi sento forte dentro, mi sembra di poter fare qualsiasi cosa. Mi sento fiducioso delle mie capacità e studiando ogni pista cercando di adattare la mia preparazione a ciascuna gara, mi fa sentire più sicuro, meglio preparato e in grado di gareggiare al 100% del mio potenziale".

L'anno sabbatico che si è preso il medico, nonché suo grande amico, nel 2003, è coinciso con un drastico calo di forma e di prestazioni del brasiliano, che ha faticato tantissimo ad adattarsi alla M1 e che ha finito la stagione in nona posizione, con un unico podio all'attivo e con la spalla gravemente infortunata. Il ritorno di Hernandez al fianco di Barros nel 2004 segna invece una svolta chiave per la preparazione del trentatreenne in vista del suo campionato più importante.

"Ho lavorato parecchio con Alex durante l'inverno, cercando di recuperare la forza nella spalla, soprattutto nei legamenti, che devono essere a posto prima di pensare di aumentare a forza muscolare," ha spiegato Hernandez. "In caso contrario basterebbe il minimo infortunio per fare di nuovo un grosso danno. Il lavoro che abbiamo fatto invece impedirà che ciò accada. Il fisioterapista di Alex in Brasile è rimasto impressionato dal recupero che ha fatto".

"Direi che al momento Alex è intorno all'80% ma lavoreremo senza risparmiarci per far si che arrivi al 100% per la prima gara. Sono molto fiducioso sulle sue possibilità di vincere il titolo quest'anno".

Tags:
MotoGP, 2004, Alex Barros

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›