Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La Ducati Marlboro spera di fare progressi a Jerez

La Ducati Marlboro spera di fare progressi a Jerez

La Ducati Marlboro spera di fare progressi a Jerez

La scuderia Ducati Malboro questo fine settimana si reca a Jerez con la speranza che la Desmosedici GP4 2004 possa fare progressi. Il debutto dei piloti Loris Capirossi e Troy Bayliss, in Sudafrica due settimane fa, è stato incoraggiante, ma il team sostiene che sul circuito spagnolo questa moto con più di 230 cavalli potrà far vedere molte cose.

`In questa fase della stagione stiamo solamente imparando come lavorare con la nuova moto in gara´ ha detto Livio Suppo, direttore del team Ducati Malboro. `La prima prova ha messo in mostra il potenziale delle moto e ci ha permesso di raccogliere molte informazioni. I nostri due piloti si sono dichiarati soddisfatti della risposta della moto alla fine della gara, per quanto riguarda il consumo dei pneumatici. Abbiamo migliorato molto sotto questo aspetto, ed era uno degli obiettivi principali della GP4.

`Anche il controllo della temperatura è molto migliorato, ed era un'altra idea importante per il 2004. Per questo fine settimana la moto sarà la stessa di Welkom. Il lunedì e il martedì successivi alla gara rimarremo nel circuito per continuare con lo sviluppo'.

Corrado Cecchinelli, direttore tecnico del team Ducati Malboro, crede che Jerez sia un tracciato equilibrato, sul quale riveste un'importanza fondamentale la gestione dei pneumatici.

`Non è una pista facile per il lato destro dei pneumatici, ma è meno esigente che quella di Welkom, e lì le nostre gomme posteriori alla fine della gara erano in ottime condizioni´ ha rivelato. `Sembra che, nella distanza della gara, la nuova moto utilizzi le ruote in un modo più regolare e ne siamo contenti. Jerez è difficile perchè è pieno di curve veloci´.

`I piloti devono sentirsi molto sicuri per affrontare le curve velocemente ed è inoltre necessaria una buona erogazione di potenza perchè si apre molto il gas. Bisogna essere sicuri del treno anteriore per poter disegnare le curve. Il circuito è misto, non ci sono rettilinei lunghi, ma sono molte le curve veloci e quelle lente, quindi è necessaria una moto ben equilibrata.´

Ascolta l'opinione dei piloti sul circuito di Jerez cliccando il collegamento al video nella parte superiore della pagina.

Tags:
MotoGP, 2004, Ducati Marlboro Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›