Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Sylvain Guintoli: "Non ci si può arrendere!"

Sylvain Guintoli: 'Non ci si può arrendere!'

Sylvain Guintoli: "Non ci si può arrendere!"

Dopo aver sempre cercato di concludere gare in zona punti e di affermarsi tra i piloti privati più forti, Sylvain Guintoli nel 2003 era ansioso di tornare a competere, dopo essere rimasto per una stagione nel team Tech3 come collaudatore nella MotoGP. Guintoli la scorsa stagione è tornato nella quarto di litro, inserito nel team Campetella Racing, la scuderia nella quale aveva militato Randy de Puniet la stagione precedente.

Dopo essere arrivato decimo l'anno scorso nella classifica generale, Sylvain Guintoli poteva sperare in un avvio alla stagione 2004 allo stesso livello, nonostante sia aumentato il numero dei puloti ufficiali nella cilindrata della quarto di litro, ma il bilancio del francese, dopo le prime tre gare è abbastanza negativo.

"Tre gare, un punto... e un colpo basso per lo spirito. Mentre mi preparavo per il primo Gran Premio, mi dicevo "non t'innervosire, la fine della stagione 2003 è stata bella, ce la puoi fare. Ma in realtà non è stato così", ha spiegato il pilota, che ha 21 anni. "Non riusciamo a lavorare con la moto, non arriviamo mai alla massima potenza e, all'improvviso, sono io che mi sento fiacco. Voglio stare davanti, non ho mai desiderato tanto riuscire a lottare per le posizioni di testa, ma è una battaglia difficile, molto difficile".

"L'anno scorso, con le moto private, riuscivamo a lottare per le prime posizioni, per il podio... e questo mi faceva sognare e mi appassionava più che qualsiasi altra cosa al mondo. Ad Assen riuscì ad assaporare il trionfo e lo sfiorai a Sachsenring, a Rio e a Valenzia", ricorda. "Mi sento privato di quei bei momenti, mi mancano. Io corro per vincere".

"Quindi adesso ci sono due possibilità, La prima è facile: Accontentarsi del materiale e cominciare a lamentarmi, ma non è bello. Non c'è niente di positivo in un atteggiamento come questo, è solo una soluzione molto facile", aggiunge Guintoli.

"Quindi ho deciso di combattere. La mia moto non risponde? Frenerò più tardi, affronterò le curve a maggiore velocità, lavorerò con il team. Approfitterò di ogni occasione per far arrivare la mia moto tra le moto ufficiali. Non mi posso arrendere. Un avvio di stagione deludente? Sì, ma il campionato è appena iniziato…" conclude il pilota dell'Aprilia. !

Tags:
250cc, 2004, Sylvain Guintoli

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›