Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Jessica Campos, un meccanico donna per Sekiguchi

Jessica Campos, un meccanico donna per Sekiguchi

Jessica Campos, un meccanico donna per Sekiguchi

Dal momento che si tratta di un membro di un team che disputa il Campionato del Mondo della 250cc, si potrebbe pensare che Jessica Campos lavora nell'ufficio stampa o come ragazza immagine sulla griglia. In realtà succede che uno sport che da sempre è dominato dagli uomini com'è il motociclismo si sta mettendo al passo con i tempi e che la Campos è uno dei meccanici di Taro Sekiguichi nel team NC World Trade impegnata nella preparazione della sua Yamaha TZM 250. Jessica ci spiega quali difficoltà deve affrontare una donna che decide di dedicarsi a questo sport. `Sono il secondo meccanico di Taro e fondamentalmente il mio lavoro consiste in occuparmi del telaio, di tutta la ciclistica della,´ racconta la giovane, che ha 20 anni. Anche se non si tratta della prima donna meccanico nel Motomondiale - alcuni anni fa tra i meccanici del team Red Bull-Yamaha c'era Debbie Irvine - è comunque un personaggio speciale, dal momento che è la prima ragazza uscita dalla scuola fondata da Daniel Amatriain in una cittadina vicina a Barcellona e al Circuito di Montmeló. `È un mondo che mi è sempre piaciuto, fin da piccola, però essere una donna viene considerato un handicap e non è facile riuscire ad arrivare a lavorare qua, ma era un'idea che già mi ronzava in testa quando ero una bambina. Portai a termine la scuola dell'ordine e subito decisi di approfondire gli studi di meccanica in questo terreno. Ho lavorato duro per arrivare a questo punto perché era quello che volevo fare. Quando lavoravo per il Campionato della Catalogna volevo passare a quello nazionale e quando ce la feci decisi di continuare e di passare al Motomondiale. Quando lavori in questo campo, il tuo obiettivo è quello di migliorare e di continuare a imparare...´ Jessica Campos dice che il fatto di essere una donna non le ha causato nessun problema con i suoi colleghi, anche se riconosce che, i primi giorni, alcuni membri del team erano scioccati per l'entrata in scena di una donna. `Bene. I primi giorni è strano per loro. Io sono già abituata, perché l'unica cosa che faccio è lavorare e mi dimentico che sono l'unica donna del team. Forse all'inizio sono spiazzati, o non sanno come comportarsi in certe occasioni. Ad esempio, quando si finisce di lavorare bisogna pulire il box e io non mi libero di questo compito solo per il fatto di essere una ragazza. Ogni giorno tocca a qualcuno no? Ma la questione è farci l'abitudine...´

Tags:
250cc, 2004

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›