Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Ritiro di Tamada, preoccupato per le gomme

Ritiro di Tamada, preoccupato per le gomme

Ritiro di Tamada, preoccupato per le gomme

Makoto Tamada ha rivelato che domenica si è ritirato dal Gran Premio Cinzano d`Italia perché era preoccupato. Pensava che gli potesse succedere un incidente simile a quello che ha bruscamente frenato la gara del suo connazionale Shinya Nakano.

Nel corso del tredicesimo giro infatti Nakano con la sua Kawasaki si è schiantato a circa 322km/h, quando il suo pneumatico posteriore è esploso mentre il giapponese affrontava il rettilineo principale. Tamada, che utilizzava una mescola Bridgestone simile, si è ritirato solamente un giro dopo, quando ha notato che, nello stesso punto del circuito, il posteriore della moto iniziava a vibrare in modo allarmante.

` Mi dispiace tanto per il ritiro. Ma la forte vibrazione sulla gomma posteriore comparsa all'uscita della curva Bucine si è fatta preoccupante durante la percorrenza del rettilineo.,` ha spiegato Tamada, che aveva avuto un ruolo da protagonista nella prima parte della gara e aveva conteso il comando a Valentino Rossi.

` Ho capito che qualcosa di strano stava accadendo alla gomma posteriore e ho preferito fermarmi. Peccato davvero, era una domenica fantastica. Il duello con Rossi, fantastico – è come mi piacerebbe guidare sempre. La moto era perfetta e io stavo spingendo al limite`.

Gianluca Montiron, Team Manager della parte del team Camel Honda, di proprietà di Sito Pons, che segue il campionato del giapponese,ha confermato l'esistenza di questo problema. ` All'uscita dell'ultima curva prima del rettilineo del traguardo Makoto ha notato una vibrazione anomala al posteriore che è notevolmente aumentata percorrendo il rettilineo,` è stato il commento del direttore italiano.

` Dopo il tratto in leggera salita che porta alla curva San Donato, Makoto ha deciso di togliere il gas e di abbandonare la corsa perché l'anomalia sul gomma posteriore si era fatta preoccupante. Ai tecnici servirà ora il tempo per effettuare una attenta analisi`. Lavilla sube al podio de Thruxton en el BSB Il collaudatore del team Suzuki MotoGP Gregorio Lavilla logró la tercera plaza en la segunda carrera de la sexta ronda del Campeonato Británico de Superbikes celebrado este domingo en Thruxton (Hampshire) en una jornada en la que su compañero de equipo en el Rizla Suzuki, John Reynolds, sufrió una caída en la que se fracturó una clavícula.

El piloto español, de 30 años, quien participará en el Gran Premi Gauloises de Catalunya este fin de semana, peleó por la victoria durante buena parte de la carrera pero perdió sus opciones en un error en la 15ª vuelta, cuando en uno de los puntos más rápidos del circuito se encontró en su trayectoria con un piloto más lento y fue superado en un instante por sus perseguidores. Pasó de la primera a la quinta posición pero pudo remontar en las últimas vueltas y entrar tercero, detrás de Sean Emmett (Ducati) y Michael Rutter

Lavilla cruzó en primera posición la carrera inaugural de Superbikes, disputada en dos partes, disputadas en dos partes, y con el tiempo compensado entre una y otra manga quedó emplazado en cuarta posición.

Resultados de la primera carrera: 1: Michael Rutter (Honda) 28:24.161, 2: John Reynolds (Suzuki) +0.024, 3: Sean Emmett (Ducati) +0.101, 4: Gregorio Lavilla (Suzuki) +0.115, 5: Dean Thomas (Ducati) +2.772, 6: Scott Smart (Kawasaki)+10.542, 7: Gary Mason (Yamaha) +11.263, 8: James Ellison (Yamaha) +11.613, 9: Tommy Hill (Yamaha) +14.961, 10: Kieran Clarke (Yamaha) +26.247.

Resultados de la segunda carrrera: 1: Emmett 25:45.597, 2: Rutter +0.783, 3: Gregorio Lavilla (Suzuki) +2.487, 4: Smart +2.571, 5: Ellison +2.640, 6: Hill +21.313, 7: Clarke +21.430, 8: Ryuichi Kiyonari (Honda) +21.546, 9: Craig Coxhell (Honda) +21.844, 10: James Buckingham (Suzuki) +27.488.

Clasificación en el Campeonato: 1: John Reynolds (Suzuki) 227, 2: Rutter 219, 3: Smart 153, 4: Yukio Kagayama (Suzuki) 152, 5: Emmett 146, 6: Thomas 95, 7: Kiyonari 87, 8: Glen Richards (Kawasaki) 78, 9: Hill 71, 10: Mason 58.

Tags:
MotoGP, 2004, Makoto Tamada

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›