Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Il Ducati Marlboro pronto per entrare ne ´La Cattedrale´

Il Ducati Marlboro pronto per entrare ne ´La Cattedrale´

Il Ducati Marlboro pronto per entrare ne ´La Cattedrale´

I piloti del Ducati Marlboro Team Loris Capirossi e Troy Bayliss si preparano per la gara del prossimo fine settimana, che si disputerà nella Cattedrale, pieni di ottimismo. La pista più veloce del Mondiale è allo stesso tempo anche la più tortuosa: queste le caratteristiche che la rendono unica al mondo, la sfida più impegnativa sia per i piloti che per i tecnici.

Capirossi e Bayliss amano questo tracciato e sono impazienti per provare, per la prima volta durante un weekend di gara, il motore Twin Pulse Ducati a scoppi irregolari.Entrambi i piloti hanno provato il nuovo motore nel test effettuato nel Circuit de Catalunya il lunedì seguente al Gran Premio e si preparano al TT di Assen con rinnovata fiducia e con tutta l´intenzione di tornare a essere protagonisti di questa combattuta stagione.

´Loris e Troy hanno apprezzato molto il nuovo motore, che permette una guida più fluida e un miglior feeling con la moto´ - afferma il direttore del Ducati Marlboro Team Livio Suppo. ´Ducati Corse sta dimostrando di saper reagire in tempi davvero brevi. Il lavoro svolto negli ultimi mesi sta portando i suoi frutti: sono certo che torneremo presto a essere protagonisti´.

Il direttore tecnico del Ducati Marlboro Team Corrado Cecchinelli aggiunge: ´Stiamo migliorando e credo che Assen sia una pista a noi favorevole. Naturalmente spero che non saremo così sfortunati come lo siamo stati a Barcellona! Assen si è guadagnata l´appellativo di ´università del motociclismo´.

´È davvero una bella sfida per i piloti che, ad esempio, devono dimostrare tutto il loro coraggio sulle sue numerose curve veloci. Assen è un circuito unico al mondo e diverso da tutti gli altri: non presenta punti di frenata particolarmente importanti, i cambi di direzione sono quasi tutti veloci, molte curve sono leggermente in pendenza e non ci sono saliscendi´.

Lo scorso anno Loris Capirossi aveva realizzato la pole position sul circuito di Assen e vi si ripresenta deciso a offrire nuovamente ai suoi tifosi spettacolo ed emozioni. Attualmente ottavo nella classifica piloti, il pilota italiano ha conquistato numerosi successi sul tracciato olandese, che esalta il suo particolare stile di guida: qui vinse i TT del 1993 e 1999 in 250, conquistò il podio della classe regina nel 2000 e nell´anno seguente nonché la pole nel 2003, in sella alla sua Ducati Desmosedici.

´Io amo il circuito di Assen: è molto particolare e ottimo per il mio stile di guida´ - dice l´italiano. ´Non vedo l´ora di tornarci per provare il nuovo motore. Credo che questo abbia un grande potenziale: certo occorrerà un po´ di tempo per comprenderne il funzionamento e per adattare la ciclistica e i rapporti del cambio alle sue caratteristiche.

´L´anno scorso avevo realizzato la pole e credevo di avere buone chance per la gara, ma purtroppo la pioggia ha rovinato i miei piani. Si, la pioggia è l´unico vero inconveniente di Assen, ma per fortuna il grip è molto buono, anche col bagnato´.

´La prima parte del circuito è molto bella, fino a dove l´hanno modificato. Altrettanto divertente è l´ultima parte, con la curva veloce a sinistra e il rapido cambio di direzione al Hoge Heide´. Troy Bayliss non vede l´ora di correre con il nuovo motore Twin Pulse questo fine settimana ad Assen, dopo il brutto incidente che a Montmeló mise fine alla sua gara a quattro giri dalla fine mentre lottava per il quinto posto nel Gran Premi Gauloises de Catalunya.

´Ho provato il motore nuovo in Spagna e mi è subito piaciuto molto: è migliore della versione precedente e rende la moto più facile da guidare´ - afferma Troy, che ha vinto 2 gare Superbike su questo circuito. ´Tra tutti quelli su cui corriamo, Assen è uno dei tracciati maggiormente impegnativi dal punto di vista fisico perché ha molti rapidi cambi di direzione´.

´Le MotoGP sono più leggere delle Superbike ma anche più veloci, quindi questi cambi richiedono molto sforzo: la guida è molto ´fisica´,. Bisogna continuamente lavorare molto sulla moto. Nonostante questo, mi piace correre lì perché mi diversto e la pista ha un buon grip anche con il bagnato´.

Tags:
MotoGP, 2004, GAULOISES TT ASSEN

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›