Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Un altro circuito sconosciuto per i piloti d´Antín

Un altro circuito sconosciuto per i piloti d´Antín

Un altro circuito sconosciuto per i piloti d´Antín

Rubén Xaus e Neil Hodgson questo fine settimana viaggiano in Giappone pronti a intraprendere un´altra nuova avventura della prima stagione nella élite del Campionato del Mondo della MotoGP. Anche se Hodgson aveva già disputato la categoria della 500cc a metà degli anni ´90, molti dei circuiti di questa stagione sono del tutto nuovi per lui, compreso quello di questo fine settimana, il circuito di Motegi, dove si terrà il Gran Premio Camel del Giappone.

Dopo i problemi meccanici riscontrati nell´ultima gara a Estoril, Hodgson si è fermato un po´ nella sua casa nell´Isola di Man per riposare prima di imbarcarsi per il lungo viaggio in Giappone.

`È stato un vero peccato non poter portare a termine il Gran Premio in Portogallo, ma adesso bisogna già pensare al Giappone e sono impaziente di arrivare a Motegi´, ha detto il pilota britannico. `Non ci sono mai stato ed è sempre difficile iniziare a girare su un tracciato senza riferimenti, ma l´unica cosa che si può fare è lavorare al massimo fin dall´inizio´.

`Spero che vada tutto bene e di poter cominciare di nuovo a fare progressi, come in Inghilterra e a Brno. Il mio obiettivo principale è quello di tagliare il traguardo e mi piacerebbe classificarmi nei primi dodici´.

In Portogallo anche Rubén Xaus, il compagno di squadra di Hodgson nel team d´Antín Ducati, se l´è dovuta vedere con problemi meccanici, ma pero questo brillante esordiente nella categoria ha già dimostrato che può essere molto competitivo quando la fortuna non gli gira le spalle.

`Me ne sono andato da Estoril con l´amaro in bocca. È la sensazione che si prova sempre quando non si riesce a portare a termine una gara, ma almeno ho potuto dimostrare che sono lì, che posso girare nel secondo gruppo e lottare. Ho bisogno di tempo e di fare esperienza, perchè nei circuiti nuovi è più difficile´, ha dichiarato il pilota spagnolo.

`Questo fine settimana corriamo a Motegi e di nuovo mi troverò su un circuito sconosciuto, perché io ho già corso solo a Sugo. Parto di nuovo da zero, ma il tracciato non sembra troppo complicato e spero che non sorgano contrattempi e che possiamo approfittare al massimo di tutte le sessioni di prove per poter fare una buona gara´.

Tags:
MotoGP, 2004, CAMEL GRAND PRIX OF JAPAN

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›