Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Prima visita nel Medio Oriente per il Motomondiale

Prima visita nel Medio Oriente per il Motomondiale

Prima visita nel Medio Oriente per il Motomondiale

Per la prima volta nei 55 anni di storia del Campionato del Mondo, il paddock fa rotta verso il Medio Oriente per la disputa del primo Gran Premio Marlboro del Qatar.

Il favoloso Circuito Internazionale Losail, costruito per ospitare la manifestazione nella periferia della capitale, Doha, è stato messo in piedi in poco più di un anno e ha richiesto un investimento di circa 58 milioni di dollari e il lavoro ininterrotto di più di mille persone. Adesso gli impianti sono pronti ad ospitare la tredicesima prova del Motomondiale.

Il tracciato è lungo 5.400m e presenta un rettilineo principale di 1100m, circondato da un prato artificiale, steso per evitare che la sabbia del deserto circostanze raggiunga il circuito.

C´è solo una persona che ha completato un giro di pista ai comandi di una MotoGP, l´ex pilota della 500cc Randy Mamola, che nel luglio scorso, in occasione della cerimonia d´apertura del circuito, ha percorso il tracciato in sella alla Ducati Desmosedici biposto. Per tutti i piloti, quindi, si tratta di una sfida completamente nuova nell´ultimo sprint della corsa al titolo.

Valentino Rossi nelle ultime due prove ha fatto crescere il suo vantaggio sugli inseguitori nella generale ed è sempre il pilota che si trova più vicino alla corona iridata. Il pilota della Yamaha infatti ha vinto in Portogallo ed è arrivato secondo in Giappone. Questi risultati, uniti al quarto e al sesto posto messi a segno da Sete Gibernau e alle due cadute rimediate da Max Biaggi, hanno permesso a Rossi di confermarsi in testa alla classifica con un margine di 39 punti, quando mancano solo quattro gare alla fine della stagione.

Nell´ultimo appuntamento, a Motegi, abbiamo visto che anche una prova della MotoGP può avere uno svolgimento imprevedibile e Biaggi è stato uno dei sei piloti che sono caduti alla prima curva, una mischia causata da Loris Capirossi. Biaggi è uscito illeso dall´incidente, ma anche Colin Edwards e Nicky Hayden, mentre Capirossi si è fratturato due ossa di un piede, John Hopkins si è rotto diverse costole e Kenny Roberts si è slogato il gomito.

Per questo fine settimana sia Capirossi che Hopkins hanno deciso di vincere il dolore e di correre il Gran Premio in Qatar, mentre Roberts si perderà le prossime tre gare e sulla sua Suzuki da giovedì ci sarà Yukio Kagayama. Anche Kurtis, il fratello più giovane dei Roberts, è fuori combattimento e si dovrà perdere la terza gara da quando cinque settimane fa, a Brno, si è fratturato il gomito e il polso del braccio sinistro. Al suo posto nel team Proton Team KR ci sarà James Haydon.

Assieme a Kagayama e a Hayden sullo schieramento ci sarà anche un altro pilota che disputa la Superbike britannica, James Ellison, che sostituisce Michel Fabrizio nel WCM.

Fabrizio, invece, potrebbe essere chiamato all´ultimo momento dall´Aprilia per sostituire Shane Byrne, che non potrà prendere parte alle ultime prove della stagione perché un esame medico ha evidenziato che dopo la gara di Motegi il suo polso è peggiorato, con lesioni ai tendini e ai legamenti. Fabrizio ha già preso il posto di Byrne per il Gran Premio a Estoril.

Tags:
MotoGP, 2004, MARLBORO GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›