Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

McCoy porta la sua Aprilia fino al traguardo di Sepang

McCoy porta la sua Aprilia fino al traguardo di Sepang

McCoy porta la sua Aprilia fino al traguardo di Sepang

Domenica scorsa sulla pista di Sepang nello schieramento della MotoGP c´era di nuovo Garry McCoy, che per le ultime tre gare della stagione guida con il team Aprilia Racing la moto di Shane Byrne, fermo per essersi infortunato sulla pista di Brno,.

L´australiano, che aveva iniziato il weekend non senza qualche inconveniente, dal momento che il suo bagaglio era andato perso nel viaggio verso la Malesia, ha portato a termine la sua gara in sella alla Cube e si e dichiarato soddisfatto della sua prestazione, che gli è soprattutto servita per trovare un buon feeling con la tre-cilindri della casa di Noale.

`Sono molto soddisfatto perché sono riuscito a finire la gara´, ha detto il pilota, che quest´anno ha disputato il Campionato del Mondo della Superbike. `Ma è stato molto difficile per il caldo. Certamente questa moto è molto più potente delle moto che ho utilizzato in quest´anno di gare e si comporta più bruscamente in accelerazione ed è molto più veloce. Mi spiace non aver finito a punto ma già arrivare in fondo per me era un traguardo importante´.

L´altro militante del MS Aprilia Racing, Jeremy McWilliams, ha preceduto il compagno di squadra sul traguardo, conquistando la 15ª posizione. Il veterano britannico ha quindi portato a casa il punto corrispondente, che fa crescere il suo bottino personale a 21 punti, un totale che corrisponde alla diciannovesima posizione della generale. Nel corso del GP di Sepang le due Aprilia si sono scontrate hanno ingaggiato un duello che i due piloti hanno entrambi descritto a fine gara. `Ho passato Jeremy sul rettilineo di arrivo´, ha detto McCoy. `Lo stavo seguendo ma in uscita dall´ultima curva lui ha impennato. Io ero all´interno e in accelerazione la moto stava allargando. Stavamo quasi per toccarci e abbiamo fatto tutto il rettilineo appaiati´.

`E´ stata abbastanza dura´, McWilliams. Alla fine la moto si muoveva un po´ troppo e tendeva ad impennare. Quando Garry mi ha affiancato ho pensato che se ne sarebbe andato, ma alla fine ha iniziato a rallentare l´ho ripassato. Sono contento di aver portato a casa un punto mondiale, ma poteva andare meglio. All´inizio eravamo nel gruppo poi quando abbiamo iniziato a distanziarci siamo rimasti in tre, io Garry e Kagayama. Per riuscire a fare meglio. Non ero lontano da Xaus e così ho deciso di spingere al massimo. Così facendo ho semi-distrutto la gomma anteriore della mia moto. Riuscire comunque a finire la gara e portare a casa un punto mi ripaga del lavoro fatto questo week end´.

Tags:
MotoGP, 2004, MARLBORO MALAYSIAN MOTORCYCLE GRAND PRIX

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›