Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Pedrosa Campione al termine di una stagione da record

Pedrosa Campione al termine di una stagione da record

Pedrosa Campione al termine di una stagione da record

Il giovane portento del motociclismo spagnolo Dani Pedrosa è arrivato quarto al Gran Premio Cinzano di Australia disputato ieri sulla pista di Phillip Island e si è aggiudicato il titolo del Campionato del Mondo della 250cc. Ai suoi 19 anni e 18 giorni, Pedrosa è diventato il pilota più giovane della storia del Mondiale a proclamarsi campione della quarto di litro, occupando il posto che fino a ieri era di Marco Melandri.

Questo giovane di estremo talento ha trionfato nella categoria dopo aver dominato la stagione della 125cc del 2003 e aver conquistato il titolo. Pedrosa è il primo pilota che riesce in quest´impresa da quando lo fece Carlo Ubbiali nel 1960.

Calmo e taciturno come sempre, Pedrosa si è mostrato entusiasta della sua stagione vincente e alla conferenza stampa del dopo gara ha dichiarato. `Per me è un sogno che si avvera. Io ci sono riuscito ma non devo dimenticarmi di tutti quelli che hanno lavorato nell´ombra e hanno reso possibile questo titolo. Persone che mi hanno aiutato in momenti estremamente difficili e tutti quelli che mi hanno aiutato a correre: la MoviStar e l´Honda, il mio team. È un trionfo di noi tutti. Ovviamente tutto il personale del Centro di Riabilitazione Blume di Barcellona. I dottori, i fisioterapisti, molte persone che, anche con un piccolo contributo, hanno avuto un ruolo importante nel conseguimento di questo titolo. Voglio ringraziare tutti loro´.

`Ovviamente oggi avrei voluto vincere la gara, sarebbe stato il modo migliore per vincere il campionato. Era quello che volevo fare, ma prima la caduta di ieri, poi i problemi nel warm-up e poi il vento che soffiava durante la gara mi hanno fatto perdere un po´ di fiducia e ho lasciato che Poggiali mi sorpassasse per assicurarmi il titolo. Mi interessava solamente portare a termine la gara. Quando ho tagliato il traguardo tutti mi stavano acclamando e anche io ho iniziato a gridare dentro il casco. Poi ho cercato quelli che avevano la bandiera spagnola e la maglietta del Campione, ma non sapevo in che curva si trovavano. Alla fine ho visto il mio amico Marcelo Carbone che mi stava aspettando ed è andato tutto bene´.

Pedrosa ha vinto un titolo da favola su un circuito dove solo 12 mesi prima era caduto fratturandosi entrambe le caviglie, una lesione che era guarita solamente cinque mesi dopo e che aveva complicato i suoi preparativi per la prima stagione nella 250cc. In effetti, Dani non provò la sua Honda RS250R-W fino a tre settimane prima della gara inaugurale della stagione.

`Dopo essere rimasto fermo per cinque mesi ci ho messo un po´ prima di adattarmi di nuovo al paddock. Per tutto l´inverno l´unica cosa che pensavo era tornare a correre. Molti sostenevano che non potevo passare alla 250, che non ne sarei stato capace. Nel precampionato ho deciso di dimostrare a tutti che ce la potevo fare. Questo è un altro motivo per il quale ero così contento dopo aver vinto in Sudafrica. In quel momento non ho detto niente a nessuno, me lo sono tenuto per me´.

Con quella vittoria diventò il pilota più giovane della storia ad aggiudicarsi un Gran Premio della 250cc. Inoltre, era la prima volta in più di 30 anni che un Campione del Mondo della 125cc l´anno dopo vinceva la prima gara della stagione della quarto di litro.

`Ero sorpreso di essere così veloce´, ha detto Dani. `Durante l´inverno Alberto (Puig) mi aveva già detto come sarebbe andata, cioè che avrei potuto andare veloce nelle prime gare. Aveva detto che un buon pilota doveva dimostrare quello che poteva fare nella classe 250. Nelle competizioni della 125cc tutti i piloti più forti sono molto vicini, mentre nella 250 si può vedere la differenza´.

La gara di debutto aveva fatto nascere molte aspettative per la seconda prova in calendario, la gara di casa a Jerez, specialmente nella stampa spagnola. Invece quel Gran Premio riservò una delusione al team e al pilota, che cadde sull´asfalto inondato dalla pioggia, mentre girava nella terza posizione.

`A dire la verità sono caduto perché avevamo avuto dei problemi nelle qualifiche che non ci avevano permesso di trovare l´assetto ottimale per la moto. Volevo conservare la mia posizione perché si trattava della migliore gara sul bagnato che avevo disputato. Alla fine mi sono detto, `Nessun altra caduta questa stagione´.

Ed è stato così. Ha vinto la prova successiva in Francia, a Le Mans, e poi è salito sul podio in otto gare consecutive, due volte sul gradino più alto, prima di afferrare il titolo a Phillip Island.

Gli unici nei nella sua stagione 2004 sono state due quarte posizioni. La prima rimediata al Gran Premio Marlboro del Portogallo, sulla pista di Estoril, dove la foratura di un pneumatico ha frenato la sua corsa vero il traguardo. La seconda ieri a Phillip Island, quando un problema meccanico nella prima moto nel warm-up della mattina lo ha obbligato ad utilizzare la seconda moto per la gara. Dopo l´appuntamento portoghese Dani era arrivato primo in Giappone, secondo nel Qatar e di nuovo primo in Malesia.

Pedrosa ha gestito la sua prima stagione nella 250cc con un attitudine calma e seguendo una strategia ben definita: dare il massimo in ogni occasione, senza correre rischi in necessari e accontentandosi di portare a casa dei punti preziosi, mentre i suoi rivali più volte hanno abbassato eccessivamente la guardia per vincere una singola gara.

. `Sapevo che dovevo fare regolarmente buoni risultati, in tutte le gare e portare sempre a casa il maggior numero possibile di punti. Abbiamo vinto, siamo saliti sul podio e ho saputo trarre vantaggio dagli errori degli altri piloti. Sicuramente abbiamo fatto degli errori come gli altri, ma il segreto è stato quello di cercare di dare il meglio in gara e di approfittare al massimo delle sessioni di qualifica´.

Il nuovo campione intende condividere con gli altri il titolo appena conquistato. Ha detto: `Il team è molto importante. Se i tuoi meccanici ti adorano sono pronti a dare tutto per te e per fortuna posso contare con una squadra fantastica. Io do loro il 100% e loro mi danno il 100%. Non mi sento mai solo e mi danno un grande aiuto´.

Tags:
250cc, 2004, CINZANO AUSTRALIAN GRAND PRIX, Dani Pedrosa

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›