Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Chi c´è dietro il successo della Yamaha - 3ª parte

Chi c´è dietro il successo della Yamaha - 3ª parte

Chi c´è dietro il successo della Yamaha - 3ª parte

Durante il weekend di gara, il centro di operazioni del team è l´Hospitality, diretta quest´anno da una nuovo acquisto della Yamaha, l´italiano Massimiliano Montanari, conosciuto da tutti come Max, che spiega qual è il suo compito.

`Sono responsabile delle operazioni dell´hospitality della Yamaha, Ho seguito Valentino per sei anni: prima dall´Aprilia all´Honda e l´anno scorso alla Yamaha. non mi allontano da lui e lo aiuto in tutto durante il fine settimana´.

La natura internazionale del team comporta che ci siano gusti e palati diversi da soddisfare e l´aspetto culinario avrebbe potuto rivelarsi un vero problema per Max. In realtà, anche se è un compito che fa sgobbare durante il weekend, tutto è reso più semplice dal fatto che il cibo italiano è molto popolare e che la birra è gratis. `Adesso nel team c´è gente di molte nazionalità diverse, ma per fortuna quasi tutti mangiano le stesse cose, quindi non è poi così complicato accontentarli´, aggiunge Max. `Credo che la cucina migliore sia quella italiana e sembra che piaccia anche a tutti gli altri. Inoltre, ci sono i ragazzi australiani per i quali la cosa più importante è la birra Nastro Azzurro! Credo anzi che nel loro contratto ci sia la clausola che prevede birra al termine delle sessioni e che altrimenti non verrebbero a gareggiare!´.

Senza dubbio il personaggio più popolare di quest´hospitality nel 2004 è stato, a sorpresa, Angelo, il gelataio. Con la pioggia o sotto il sole, a ogni ora del giorno durante le gare europee, nell´hospitality Yamaha era immancabile la sua presenza, in uniforme accanto alla gelatiera, pronto a servire il suo ottimo gelato.

Quest´anno dopo le prove, nei giorni particolarmente torridi, avremmo potuto vederlo anche nel box, con un vassoio pieno di gelati appena fatti, pronto a ripartirlo tra i membri dei team durante la tipica riunione che ha luogo al termine della sessione. Vedere un gelataio lavorare nel paddock era già abbastanza strano, ma in realtà questo non è niente se paragonato all´inedito spettacolo che offrivano i membri del team quando discutevano aspetti critici della messa punto, tenendo in una mano un cucchiaino di gelato al caffè e alla vaniglia e nell´altra i rilevamenti top secret della telemetria.

Oltre che le azioni in pista del team, un aspetto altrettanto importante è la promozione dei successi della scuderia nella stampa scritta e nella televisione. Un altro collaboratore fondamentale nel team ufficiale Yamaha Factory è Alison Forth, che si incarica proprio di questo. Alison è la più indicata a descrivere come lavora nel complesso la struttura Gauloises Fortuna Yamaha, dal momento che durante ogni fine settimana di gara, ha a che fare con tutti i membri del team.

Quest´anno invece, le pubbliche relazioni del team sono abbastanza cambiate. `La quantità di lavoro è molto cresciuta, visto che è enorme l´interesse che si riversa in tutto il team, non solo in Rossi´, racconta Alison. `Siamo il centro dell´attenzione dei mass media ed è un aspetto che va curato. Però Rossi non è sempre disponibile ed è ovviamente impossibile rispondere alle esigenze dei giornalisti, tutti interessati ad entrare in contatto con lui´.

`Nel 2003 era sufficiente una persona nell´area PR, mentre l´anno scorso eravamo due. Non seguivamo solo le relazioni pubbliche per Rossi, ma anche per Checa, oltre che per altri importanti membri del team. Rispondiamo alle richieste dei mass media durante i weekend di gara, ma anche quando non siamo nei circuiti. Inoltre, organizziamo le conferenza stampa, le sessioni di foto, le riprese televisive e le interviste per i piloti e per il team. Manteniamo le relazioni con i mercati Yamaha di tutto il mondo, aggiorniamo il sito internet ufficiale del media, gestiamo l´hospitality, i programmi per gli ospiti nei weekend di gara, le sessioni di autografi, ecc. C´è molto lavoro da fare!"

Indiscutibilmente si tratta di una gran quantità di lavoro. Dopo la prima trionfale stagione di Valentino Rossi con la Yamaha e l´arrivo di Colin Edwards nel team per il 2005, potrebbe diventare ancora di più.

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›