Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Martín Cárdenas è il primo colombiano del Motomondiale

Martín Cárdenas è il primo colombiano del Motomondiale

Martín Cárdenas è il primo colombiano del Motomondiale

Il prossimo 10 aprile, quando debutterà nel Gran Premio inaugurale del Campionato del Mondo della 250cc, Martín Cárdenas scriverà una pagina di storia del motociclismo per essere il primo colombiano che gareggia nel Motomondiale.

Cárdenas, 23anni appena compiuti, si fece notare dal team Aprilia Germany grazie alle prestazioni effettuate l´anno scorso nel Campionato spagnolo della Supersport. Si aggiudicò tre gare e conquistò il podio in cinque delle sette prove disputate, risultati che gli valsero il titolo. La settimana scorsa ha potuto conoscere il nuovo team e di percorrere i primi chilometri con una Aprilia da 250cc, una moto che non aveva mai guidato in precedenza. In questo test, svoltosi sul circuito di Jerez, il giovane pilota di Medellín ha dimostrato di sapersi adattare rapidamente.

`La moto è molto diversa rispetto a qualsiasi altra che abbia mai guidato. Mi mancano ancora molti chilometri, ma sono riuscito a fare quello che speravo di fare´, spiega soddisfatto Cárdenas. `È tutto nuovo, non solo la moto e il team: anche il modo di guidare e la posizione che bisogna mantenere sulla moto sono diversi. Ma è stato un buon inizio. Mi sono trovato bene con la squadra. Nessuno parla spagnolo, quindi devo parlare in inglese, ma è una lingua nella quale mi difendo abbastanza bene´, aggiunge.

`Ogni volta che salivo in sella mi sentivo meglio´, racconta Cárdenas. `Ho iniziato a girare in 1´54´´ e ho concluso il test con un tempo di 1´47´´7. Se consideriamo che non avevo mai provato prima la moto, credo che sia stato un modo di cominciare molto incoraggiante. Questa è l´impressione che ho avuto, anche per le reazioni del team´.

I rapidi progressi fatti dal colombiano sicuramente sono dovuti anche ai consigli del suo nuovo compagno di squadra, Chaz Davies: `Sì, ho parlato molto con lui. Mi ha spiegato alcune cose su come guida e mi ha chiarito tutti i dubbi che avevo´, continua Cárdenas, consapevole di quanto possono rivelarsi utili i consigli del più esperto pilota britannico. `Per quanto riguarda la moto, mi è sembrata competitiva, ma non avevo mai guidato con una moto di questo tipo e non ho riferimenti per fare dei paragoni´.

Con la stessa naturalità pensa al fatto che dovrà correre su una serie di circuiti completamente sconosciuti per lui: `Sì, è vero che i circuiti saranno del tutto nuovi per me, ma riesco ad abituarmi rapidamente alle piste. Vedremo come va. Per me questo sarà un anno dedicato a imparare´.

Il giovane pilota colombiano sostiene di non avere un idolo nel Motomondiale, anche se ammette di ammirare il talento di Alex Barros e Sebastián Porto, altri due sudamericani: `Non c´è un pilota che possa considerare il mio idolo. Barros e Porto sono bravissimi e sono un punto di riferimento per me, perché anche loro sono sudamericani. Un idolo? Forse Rossi. È il più forte´. Ellison, en forma mientras espera la Blata WCM Aunque James Ellison espera iniciar su pretemporada con el equipo WCM a partir de febrero el piloto británico ha admitido que no sabe con certeza si podrá disponer entonces de la nueva Blata V6.

Pocas novedades se han filtrado sobre el desarrollo de la primera máquina de MotoGP del constructor checo y el propio Ellison desconoce con exactitud los avances del proyecto. Sin embargo, el británico espera regresar pronto a la pista y mientras llega ese momento hace todo lo posible para estar preparado.

`No se todavía cuando haremos la primera sesión de entrenamientos, espero que sea en febrero´, declara Ellison. `Tampoco se si tendré ya la nueva moto. Por el momento me concentro en mi preparación física y... espero que suene el teléfono´.

`Estoy haciendo un poco de todo: `footing´, bicicleta, aeróbic, escalada...todo lo que me permite mantenerme en forma y divertirme al mismo tiempo. He descubierto también los descensos en mountain bike. Es algo genial , y mucho menos peligroso que el motocross o el supermotard. ¡Lesionarme durante el invierno es lo último que deseo!´.

Con un programa de pretemporada iniciado tardíamente y la perspectiva de hacerse cargo de una moto completamente nueva, Ellison se muestra consciente del volumen de trabajo que le espera pero, pese a todo, mantiene la confianza.

`Será duro, no me hago ilusiones, pero tengo muchísimas ganas de empezar´, asegura, el piloto, quien a sus 24 años posee un sólido bagaje técnico. `Debemos desarrollar la moto rápidamente y a mi me corresponderá facilitar la máxima información al equipo para conseguirlo´.

`He desarrollado algunas motos a lo largo de mi carrera y conozco cada una de las piezas. Esto es un valor añadido cuando se trata de transmitir las impresiones a los mecánicos. Nueve de cada diez veces llegamos a las mismas conclusiones´.

Aunque a Blata WCM le corresponde de entrada el papel de `outsider´ con respecto a los otros equipos apoyados por los grandes constructores, Ellison cree que puede hacer un buen papel si es capaz de remontar el handicap técnico con el que partirá en el Campeonato.

`Me gustan los retos´, afirma el piloto. `Cuando se está en desventaja, hay que poner una motivación extra para batir a los que están delante de ti. Si uno se acostumbra a atacar fuerte con una moto que quizá no sea la más competitiva de la parrilla, después podrá marcar la diferencia cuando disponga de una montura en mejores condiciones´.

Tags:
250cc, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›