Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Nuove sospensioni per il team Repsol Honda

Nuove sospensioni per il team Repsol Honda

Nuove sospensioni per il team Repsol Honda

Max Biaggi ha ammesso che la caduta con la sua Honda RC211V durante il secondo giorno di test a Phillip Island è stata colpa sua. Il romano è finito per terra all'altezza della curva Siberia mentre cercava di rientrare ai box per cambiare un pneumatico che stava provocando chattering nell'anteriore della moto.

Nonostante l'incidente, Biaggi si è dichiarato soddisfatto nel complesso dell'andamento del test, nel quale ha provato due leveraggi diversi per la sospensione posteriore della RCV e ha fatto fermare il cronometro a 1'29.970, il terzo miglior tempo della sessione.

"Oggi mi sentivo più forte, anche se ho fatto una caduta", ha detto Biaggi, che ha totalizzato 96 giri. "Abbiamo certamente migliorato la messa a punto della moto. In particolare vanno meglio le sospensioni ed il feeling con la mia RC211Vs è sempre più consistente giro dopo giro".

"Per ora preferisco la sospensione posteriore con i leveraggi sotto il forcellone. I tempi sul giro paragonati a quelli con l'altra soluzione, cioè leveraggi sopra il forcellone, sono gli stessi. Ma la sensazione di guida è leggermente migliore con il cosiddetto ‘low link'".

"A proposito della scivolata, onestamente devo dire che è colpa mia. Abbiamo montato una nuova gomma ed ho capito subito che poteva essere un miglioramento ma che al tempo stesso avrebbe causato quel fastidioso saltellamento dell'avantreno in staccata".

"Proprio nel giro in cui stavo rientrando per regolare la moto, in modo da correggere quel problema, ho perso aderenza all' entrata della curva 6, un punto particolarmente insidioso per la tenuta dell'anteriore".

Anche Nicky Hayden ha provato diverse soluzioni per la sospensione posteriore e ha completato un totale di 115 del circuito, senza però riuscire a individuare gradi differenze.

"Oggi ho provato per la prima volta la sospensione posteriore con i beveraggi sotto il forcellone dai test in Malesia del 2003", ha detto Hayden, che ha fatto il miglior tempo in 1'30.430. "C'è pochissima differenza tra le due soluzioni e credo che tutto dipenda dalle preferenze del pilota".

"Oggi abbiamo lavorato molto sul telaio, abbiamo impiegato molto tempo cercando di fare in modo che le modifiche funzionassero nel modo giusto e credo che sia stato un esercizio molto utile. Poi ho girato un po' con i settaggi che uso di solito".

"Oggi ho completato molti giri, forse troppi. Domani vorremmo fare un long run con una gomma posteriore da gara e magari, nel frattempo, riuscire a fare un giro veloce".

Tags:
MotoGP, 2005, Max Biaggi

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›