Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi passa al comando nell´ultimo giorno di test

Rossi passa al comando nell´ultimo giorno di test

Rossi passa al comando nell´ultimo giorno di test

Sabato Valentino Rossi ha approfittato dell'assenza di Sete Gibernau, rientrato in Europa venerdì, dopo aver portato a termine il programma di test previsto per Phillip Island, per prendere il comando della situazione e far registrare il miglior tempo delle tre giornate di prove della MotoGP in Australia.

Non faceva caldo come nei primi due giorni e all'ora di pranzo è caduto anche un breve scroscio di pioggia : Rossi ha girato in 1'29.68, più veloce anche rispetto al proprio record del circuito australiano, 1'30.068 stabilito ai comandi di una RC211V durante il Gran Premio disputato a Phillip Island nel 2003.

Nicky Hayden ha trovato un buon ritmo ed è stato l'unico pilota a girare al di sotto di 1'30. Al termine della sessione odierna, lo statunitense occupava la seconda posizione del foglio dei tempi e anche Carlos Checa e Max Biaggi sono riusciti a effettuare regolarmente giri veloci.

Makoto Tamada oggi non era in pista. Il giapponese è ritornato nel suo paese per farsi curare le contusioni al piede sinistro e alla mano sinistra, che si è procurato cadendo nel primo giorno di test in Australia. Tamada dovrebbe poter tornare in azione per il prossimo test HRC, il 1 marzo nel Circuito Internazionale Losail del Qatar.

Il Ducati Marlboro ha completato il programma di test previsto per Phillip Island dedicando l'intera giornata ai pneumatici. Checa e Loris Capirossi hanno praticamente utilizzato lo stesso assetto per tutto il giorno, mentre montavano soluzioni diverse di mescole Bridgestone usate e nuove.

Checa sembra aver trovato la configurazione adatta al tracciato australiano e oggi ha ribassato il suo tempo a 1'29.86. Capirossi ha inoltre provato qualche set-up per le sospensioni e diverse mappature del motore, per migliorare la guidabilità della sua Desmosedici GP5. Il pilota romagnolo ha completato un totale di 59 giri, con il miglior tempo in 1'30.18.

Anche il Team Suzuki ha fatto test sui pneumatici Bridgestone dopo aver fatto progressi nei tre giorni di prove in Australia. Al termine della sessione John Hopkins occupava l'ottava posizione del foglio dei tempi dopo aver girato in 1'30.85, più veloce di oltre un secondo rispetto al tempo fatto segnare nelle prove di qualificazione per il Gran Premio dello scorso ottobre.

Nel Camel Honda Alex Barros e il suo responsabile tecnico Ramon Forcada hanno ammesso che i test su una nuova forcella anteriore, progettata per affrontare le curve veloci di Phillip Island, non sono andati come previsto. Buone notizie invece per l'altra metà del box, dove Troy Bayliss ha fatto progressi con l'assetto di base per la sua RC211V. Per l'australiano non è stato facile adattarsi alla nuova moto, dopo essere rimasto in sella a una Ducati Desmosedici nelle ultime due stagioni.

Dopo essere caduto nei primi due giorni di test, Marco Melandri oggi ha dovuto recuperare il tempo perso. Il pilota di Ravenna oggi ha sfrecciato senza sosta sul tracciato australiano, tagliano il traguardo non meno di 122 volte sempre più sicuro ai comandi della sua Honda RC211V. Ha concluso la giornata con una simulazione di gara di 27 tornate, facendo registrare il miglior tempo nel giro 20.

Tempi ufficiosi:

1. Valentino Rossi – Gauloises Yamaha - 1' 29.68
2. Nicky Hayden – Repsol Honda - 1'29.69
3. Carlos Checa – Ducati Marlboro - 1'29.86
4. Max Biaggi – Repsol Honda -1'29.88
5. Loris Capirossi – Ducati Marlboro - 1' 30.18
6. Colin Edwards – Gauloises Yamaha - 1'30.23
7. Alex Barros – Camel Honda -1'30.55
8. John Hopkins – Team Suzuki - 1'30.85
9. Marco Melandri – Telefonica Movistar Honda - 1' 30.90
10. Troy Bayliss – Camel Honda - 1' 30.98
11. Kenny Roberts – Team Suzuki – 1'31.21
10. Ruben Xaus – Fortuna Yamaha - 1'31.98
11. Toni Elias – Fortuna Yamaha - 1'32. 96

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›