Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Tamada si conferma il più veloce nel test del Qatar

Tamada si conferma il più veloce nel test del Qatar

Tamada si conferma il più veloce nel test del Qatar

Nel terzo e ultimo giorno di test al Circuito Internazionale Losail il giapponese Makoto Tamada ha messo a segno un altro giro record. Il pilota del Konica Minolta Honda ha potuto approfittare delle condizioni climatiche quasi perfette e ha fatto fermare il cronometro a 1'56.63.

Tamada, che si era già affermato come il più veloce nel test di Sepang prima di vedere le prove di Phillip Island interrotte da una brutta caduta, si è mostrato molto soddisfatto del lavoro svolto nelle tre giornate nel Qatar.

"Sono felicissimo di quanto fatto globalmente in questi tre giorni essendo stato il più veloce sia nella giornata di ieri che in quella di oggi. La mia soddisfazione maggiore al di la dei tempi, è l'ottimo feeling che ho trovato con la moto", ha detto Tamada.

"Abbiamo confermato anche su questa pista dopo le prove di Sepang e Phillip Island, che il pacchetto che abbiamo a nostra disposizione per la stagione 2005 è complessivamente ad un livello superiori confronto la stagione scorsa. Per tanto mi ritengo molto fiducioso e spero di esprimermi sempre su questi livelli durante la nuova stagione che sta per iniziare".

L'autore del secondo miglior tempo della sessione è stato Marco Melandri, raggiunto in pista dal compagno di squadra, Sete Gibernau. Lo spagnolo non aveva potuto approfittare al massimo delle prime due giornate di pista a causa di un'influenza, che aveva rallentato i lavori. Entrambi i militanti del Telefonica Movistar Honda si sono concentrati sui pneumatici e Melandri ha anche effettuato una simulazione di gara.

Anche i piloti del Ducati Marlboro Loris Capirossi e Carlos Checa, quarto e sesto rispettivamente, hanno lavorato sull'assetto da gara, facendo test anche sulle gomme Bridgestone. Nicky Hayden occupa la quinta posizione del foglio dei tempi, mentre il suo compagno di squadra nel Repsol Honda Max Biaggi ha avuto una giornata no. Il pilota romano non è riuscito a trovare il giusto ritmo ed è stato anche vittima di una caduta, dopo aver perso l'anteriore della sua RC211V.

Anche Alex Barros è finito per terra nel corso della sessione, mentre stava provando una nuova soluzione per il pneumatico anteriore. Il brasiliano del Camel Honda domani rimarrà nel circuito di Losail assieme al compagno di squadra Troy Bayliss per qualche attività promozionale.

La Ducati D'Antin di Roberto Rolfo lo ha disarcionato mentre sfrecciava ad altissima velocità, ma per fortuna il torinese è uscito illeso da questo pauroso incidente.

Le squadre di Honda e Ducati adesso faranno ritorno in Europa, per ultimare i preparativi in vista delle ultime sessioni del precampionato, i Test Ufficiali di Barcellona a Jerez.

Tempi ufficiosi: 1. Makoto Tamada - Konica Minolta Honda: 1'56.63
2. Marco Melandri - Telefonica Movistar Honda: 1'57.31
3. Sete Gibernau - Telefonica Movistar Honda:1'57.32
4. Loris Capirossi - Ducati Marlboro: 1'57.32
5. Nicky Hayden - Repsol Honda: 1'57.33
6. Carlos Checa - Ducati Marlboro: 1'57.35
7. Alex Barros - Camel Honda: 1'57.38
8. Max Biaggi - Repsol Honda: 1'57.94
9. Troy Bayliss - Camel Honda: 1'58.18
10. Roberto Rolfo - D'Antin Ducati: 1'59.74

Tags:
MotoGP, 2005, Makoto Tamada

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›