Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Harald Eckl crede molto nella squadra umana della Kawasaki

Harald Eckl crede molto nella squadra umana della Kawasaki

Harald Eckl crede molto nella squadra umana della Kawasaki

Alla vigilia della terza stagione nella classe regina del Motomondiale, il team Kawasaki Racing si prepara per un'annata cruciale, con la chiara intenzione di accorciare le distanze con le scuderie ufficiali Yamaha e Honda.

Allo scopo di sviluppare la Ninja ZX-RR e dopo aver presentato la grande scommessa per il 2005, il motore big bang, il costruttore giapponese ha affidato il progetto allo stimato ingegnere Ichiro Yoda e a Fiorenzo Fanali como responsabile tecnico.

Harald Eckl assume le funzioni di manager del team dal 2002, dopo il successo raggiunto nella Superbike e nella Supersport. Il tedesco sembra molto ottimista per quanto riguarda le possibilità del suo team per questa stagione."Sono molto contendo di poter contare con tanti validi professionisti e la loro esperienza mi fa essere fiducioso per il futuro".

"Yoda è uno degli ingegneri più rispettati del paddock della MotoGP e ho la certezza che il suo contributo sarà decisivo per il nostro programma di sviluppo: lavorerà con ingegneri e piloti e riuscirà a migliorare in continuazione", ha poi aggiunto.

Il manager tedesco ha voluto anche sottolineare l'importanza dell'incorporazione di Fiorenzo Fanali, un uomo che vanta un grande curriculum a livello mondiale. Bisogna ricordare che ha lavorato con vere leggende del motociclismo: Giacomo Agostini, Kenny Roberts, Eddie Lawson o Randy Mamola, e di recente, Max Biaggi e Marco Melandri nel Yamaha. Eckl spiega che "Fanali lavorerà con Shinya Nakano e questo sarà un'esperienza molto positiva per il nostro pilota. Fiorenzo ha un grande bagablio tecnico e conosce i segreti per far rendere al massimo un pilota".

"Potremmo paragonarlo con Jeremy Burgess della Yamaha, dal momento che si occupa sia degli aspetti pratici che di quelli teorici. Sa perfettamente che il cervello di un pilota non è un computer e che i piloti si lasciano guidare dall'istinto e in questo aspetto Fiorenzo rappresenta un grande appoggio per Shinya".

Anche se il peso dello sviluppo del nuovo motore Kawasaki ricade tutto sulle spalle di Nakano, il manager sportivo ha voluto sottolineare anche l'importante lavoro svolto da Alex Hofmann e dal suo capo meccanico, Christophe Bourguignon. "È importante sapere che Bourguignon continuerà a svolgere un ottimo lavoro assieme a Alex. Nel 2004 hanno formato una grande accoppiata e Christophe è una persona molto rispettata in questo sport. Ha molto a che fare con i buoni risultati che abbiamo fatto la scorsa stagione".

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›