Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Nuove pedine nella scacchiera della classe regina

Nuove pedine nella scacchiera della classe regina

Nuove pedine nella scacchiera della classe regina

Appuntamento principale del precampionato, il Test al Circuit de Catalunya è stato caratterizzato da un notevole spiegamento di forze da parte della maggior parte dei team in quella che è l'ultima fase di preparazione per il Campionato del Mondo MotoGP che prenderà il via all'inizio di aprile.

Oltre ai 21 piloti iscritti nella classe regina per la stagione 2005, lo scorso fine settimana in pista a Montmeló c'erano anche quattro collaudatori, quattro volti più o meno conosciuti nel paddock del Motomondiale.

Tra questi, Nobuatsu Aoki, che quest'anno è incaricato dello sviluppo della Suzuki dopo tre stagioni passate con il team Proton KR. Già collaudatore Bridgestone nel 2001 sotto la guida di Erv Kanemoto, Aoki ha spiegato le difficoltà che ha dovuto superare nel corso del weekend a Barcellona.

"Per questo test, il mio compito era principalmente quello di provare i pneumatici Bridgestone, ma anche di lavorare sulla mappatura del V4 della Suzuki", ha spiegato il giapponese. "Purtroppo, il motore ha rotto due volte e abbiamo avuto anche un problema al telaio che ci ha impedito di fare più giri".

"La risposta delle gomme è molto positiva, devo riconoscere che la Bridgestone ha fatto progressi dall'anno del loro debutto nel Motomondiale, quando ero incaricato dello sviluppo! Tuttavia, questi test non sono stati troppo positivi per le Bridgestone, perché la pista è stata riasfaltata durante l'inverno e ci mancavano i riferimenti. Non ci sono più buche, ma l'aderenza è ancora poca", ha aggiunto Aoki.

Lo scorso week-end abbiamo potuto vedere per la prima volta in azione su un circuito europeo il nuovo Tyre Test Team Ducati-Bridgestone: come indica il nome, si tratta di una struttura creata dal costruttore italiano e dal fornitore di pneumatici giapponese, dedicata unicamente allo sviluppo dei pneumatici. Il test rider è Shinichi Itoh, ex HRC e come Aoki incaricato dell'evoluzione delle gomme nel 2001, la stagione del loro debutto nel Motomondiale.

Nella Catalogna, Itoh è stato uno di quelli che hanno percorso più giri con un totale di 199, più di 940 km. La Ducati schiera anche un secondo collaudatore, con un'ottica diversa: Vittoriano Guareschi si occupa dello sviluppo della Desmosedici dal 2002, il primo anno di partecipazione della casa di Borgo Panigale nel Campionato del Mondo MotoGP. Il compito dell'italiano è quello di provare diverse soluzioni tecniche che poi vengono proposte ai due titolari del team Ducati Marlboro, come è successo con il nuovo sistema di freno-motore della GP5.

per ultimo, il giapponese Kazuki Shimizu, militante Kawasaki nel Campionato All Japan, che si è unito alla struttura per la MotoGP della casa di Akashi per contribuire allo sviluppo del nuovo motore ‘big bang'.
"Grazie a questi test, ho potuto girare per la prima volta nel Circuit de Catalunya e conoscerne il tracciato, lavorando allo sviluppo della ZX-RR", ha dichiarato Shimizu. "Il mio ruolo è quello di aiutare Shinya nei test sul motore, raccogliendo il maggior numero d'informazioni sul ‘big bang'. Dovevo andare veloce senza commettere errori! Mi è piaciuta molto quest'esperienza, su un circuito dove si raggiungono velocità così alte".

Questi ‘lavoratori nell'ombra' saranno di nuovo in pista questa settimana a Jerez per le ultime sessioni di test ufficiali dell'anno, per poter contribuire di nuovo al tentativo dei tre costruttori decisi a sfidare Yamaha e Honda.

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›