Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Barros, Pedrosa e Kallio: i dominatori delle libere del sabato

Barros, Pedrosa e Kallio: i dominatori delle libere del sabato

Barros, Pedrosa e Kallio: i dominatori delle libere del sabato

Alex Barros (Camel Honda) sembra essere intenzionato a conquistare la prima pole position della stagione e, per ora, è il più forte nella categoria della MotoGP. Il brasiliano ha dominato di nuovo il foglio dei tempi, fermandosi però a cinque centesimi dal tempo del venerdì. Barros si è imposto fin dall'inizio del terzo turno di prove. A sette millesimi c'è Sete Gibernau, di nuovo secondo in classifica.

Il pilota del Telefónica Movistar non sta vivendo uno dei miglior fine settimana. Se non fossero stati sufficienti i problemi alla spalla, conseguenza dell'incidente di domenica scorsa, all'ultima curva del GP di Jerez, questa mattina lo spagnolo è caduto, battendo di nuovo nello stesso punto. Nonostante questo inconveniente, Gibernau non si è perso d'animo e, anche se è stato uno di quelli che hanno girato di meno nel tracciato di Estoril, nelle ultime fasi della sessione è riuscito a scalare la classifica e a fermarsi nella seconda posizione.

Max Biaggi è tornato finalmente ad essere tra i più veloci, il minimo che ci si aspetta da un pilota ufficiale del Repsol Honda. Il romano ha migliorato di più di mezzo secondo il tempo del venerdì e ha occupato la terza posizione della classifica della sessione di prove libere del sabato. Anche il suo compagno di squadra Nicky Hayden si è fatto valere e ha fatto segnare il quinto miglior tempo. Tra le due Honda si è inserita la Yamaha Gauloises di Valentino Rossi, quarto. I primi cinque piloti sono riusciti a girare al di sotto dell'1'38. La sesta posizione è andata alla Yamaha di Colin Edwards. I più forti hanno potuto approfittare di questo terzo turno di prove libere per il Gran Premio betandwin.com del Portogallo per migliorare i tempi di ieri.

Carlos Checa, autore di un'uscita di pista a 15 minuti dal termine delle prove, guida di nuovo la prima Ducati della classifica, grazie alla settima posizione, dimostrando di essersi adattato alla nuova moto. Il suo compagno di squadra Loris Capirossi invece, ha ancora parecchi problemi per la piccola frattura dell'astragalo che si è procurato a Jerez ed è stato l'autore del 16º tempo, mentre un po' meglio Marco Melandri, 11º. Bayliss, protagonista di un' incidente da brivido ieri, quando la sua Honda lo ha sbalzato dalla sella e lo ha fatto atterrare sull'asfalto, oggi non ha avuto problemi per uscire in pista e migliorare i propri tempi.

Nella 250cc, è stato di nuovo Dani Pedrosa (Telefónica Movistar) a dettare legge e con un ultimo giro sensazionale ha sottratto la prima posizione ad Andrea Dovizioso (Team Scot). Il Campione del Mondo della 125cc è scivolato nella seconda posizione, distaccato di poco più di un decimo dallo spagnolo, che ha girato molto più lento rispetto a ieri.

Gli ultimi minuti della sessione sono stati molto intensi e i piloti si sono più vote cambiate posizioni, mentre miglioravano i tempi. La terza posizione è stata occupata dall'argentino Sebastián Porto (Aspar Team), che ha preceduto l'australiano Casey Stoner (Carrera Sunglasses-LCR) e il francese Randy de Puniet (Aspar Team), tutti sull'1'41. Gli spagnoli del Fortuna Lotus Honda, Héctor Barberá e Jorge Lorenzo, hanno messo a segno rispettivamente il sesto e il settimo posto, davanti a Alex de Angelis (MS Aprilia Italia Corse).

Mika Kallio (Red Bull KTM) è stato di nuovo il più veloce della 125cc e sembra determinato a non lasciarsi sorprendere dagli avversari. Il finlandese ha sfoderato un 1'45.358 negli ultimi minuti, un tempo inferiore a quello che ieri gli era valso la pole provvisoria per la gara di domenica.

Thomas Lüthi (Elit Grand Prix) ha occupato la seconda posizione, a otto decimi dal tempo di Kallio, mentre Julián Simón (Red Bull KTM) si è aggiudicato il terzo posto del foglio dei tempi, anche se con un distacco di un secondo e mezzo dal compagno di squadra. Il quarto posto è andato a Fabrizio Lai (Kopron Racing World), seguito dal ceco Lukas Pesek (Metis Racing) e dal leader del Mondiale Marco Simoncelli (Nocable.it Race), solo sesto il sabato mattina.

Manuel Poggiali (Metis Racing) e Mattia Pasini sono stati rispettivamente 7º e 8º e la caduta più spettacolare in questa cilindrata è stata proprio quella del giovane e deciso pilota del Totti Top Sport-NGS.

Tags:
MotoGP, 2005, betandwin.com GRANDE PREMIO DE PORTUGAL

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›