Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Valentino Rossi parla di Laguna Seca

Valentino Rossi parla di Laguna Seca

Valentino Rossi parla di Laguna Seca

Il luglio prossimo Laguna Seca ospiterà il Gran Premio Red Bull degli Stati Uniti, una gara attesa con impazienza dagli appassionati di motociclismo e dai piloti della MotoGP, dal momento che il Motomondiale non visita gli USA dal 1994.

Recentemente i mezzi di comunicazione americani hanno potuto mettersi in contatto mediante teleconference con il vigente Campione del Mondo Valentino Rossi e gli hanno potuto chiedere cosa pensa di questo ritorno della classe regina sul tracciato californiano.

Domanda: Hai iniziato a familiarizzare con il tracciato di Laguna Seca giocando alla PlayStation o con qualche gioco del genere?

Valentino Rossi: Sì, conosco Laguna solo grazie alla TV. Adesso sto giocando con la PlayStation e conosco più o meno il tracciato, ma non ci sono mai stato prima.

Domanda: Dopo aver visto qualche video di Laguna Seca, credi che la gara sarà difficile? Credi che sarà difficile conoscerne la pista o credi che non avrai problemi?

Valentino Rossi: Sì, credo che la pista sia difficile perché è in discesa e in salita e credo che sia piuttosto tecnica e che ci siano dei punti molto complicati: la prima curva a sinistra dopo il rettilineo e il Cavatappi. Sicuramente, con la MotoGP sarà interessante (il Cavatappi). C'è un cambio di direzione, poi una discesa: un settore molto tecnico e complicato. Spero che a Laguna abbiano migliorato le misure di sicurezza per il Gran Premio, perché in passato non era una pista molto sicura.

Domanda: Come vedi questa riapparizione della MotoGP in California?

Valentino Rossi: Sono molto contento di venire in California. Ero venuto negli Stati Uniti cinque o sei anni fa, ma solo per una settimana. La California piace a tutti perché è un gran bel posto e molti dicono che gli appassionati del Motomondiale negli Stati Uniti sono cresciuti negli ultimi anni perché ci sono piloti americani molto forti e lo sport è sempre più seguito. Quindi mi aspetto molti spettatori per la gara e sono contento di venire in California per il sole, le bellissime ragazze e perché credo che sia un bel posto.

Domanda: Ti stimola di più l'idea di un Gran Premio in America o quella di un Gran Premio nella Cina o in Turchia?

Valentino Rossi: Non sono mai stato né in Cina né in Turchia, non saprei. Andiamo in molti posti diversi, ma l'importante rimane la sicurezza della pista, che è buona, e il clima, che è ovviamente buono. MA creso che sia più emozionante l'idea di correre negli Stati Uniti perché il circuito di Laguna Seca si trova in un posto splendido. Ho parlato con Colin (Edwards), che mi ha detto che è un luogo molto bello. La Cina e la Turchia saranno una novità per tutti e dovremo aspettare di vedere quello che succede.

Domanda: Il fatto di non avere esperienza della pista sarà un grande handicap? Ti farai dare consigli dal tuo compagno di squadra Colin Edwards su come affrontarla?

Valentino Rossi: Ovviamente il fatto di non essere mai stato a Laguna Seca è un po' un inconveniente perché ci sono piloti che conoscono già la pista. Ma è una pista nuova e credo che potremo provare un po' il giovedì (Non ci saranno prove il giovedì, ndr.). Sì, su una nuova pista è sempre più difficile trovare l'assetto per la moto, ma vedremo. Riguardo a Colin, è sempre molto veloce a Laguna Seca ed è molto motivato, dal momento che è la gara di casa per lui. Quindi lotteremo assieme per stare davanti.

Domanda: Colin ha detto che vi scambiate informazioni per molte piste e conosce quella di Laguna Seca. Cercherai di basarti sul suo assetto o lavorerete separatamente per trovare un buon setting e poi confronterete i dati raccolti?

Valentino Rossi: Colin ed io cercheremo di lavorare assieme per configurare la moto, perché è molto difficile, soprattutto all'inizio, quindi lavorando in due andremo più veloci. Colin conosce la pista molto bene e credo che parleremo o che usciremo assieme durante le sessioni di prove. Forse all'inizio è meglio andare da soli e magari scambiare informazioni dopo aver fatto un po' di prove, quando l'assetto della moto è un po' migliorato. Forse potrò farmi rivelare da Colin qualche segreto sul tracciato o lo seguirò per scoprirlo.

Domanda: Mi piacerebbe sapere che modifiche ai fatto alla moto quest'anno rispetto alla gara di Philip Island o all'anno scorso, quando sembrava che aveste trovato la soluzione ideale per la gestione dell'erogazione di potenza e delle prestazioni del motore con struttura big-bang.

Valentino Rossi: Sì, la moto è abbastanza diversa dall'anno scorso, specialmente per quello che riguarda il motore, perché allora eravamo alla fine dello sviluppo. Quindi dobbiamo ancora lavorare molto sul nuovo motore per trovare più potenza, perché è un fattore molto importante. Inoltre, anche il telaio è diverso rispetto alla vecchia (Yamaha) M1, perché la vecchia M1 ci dava problemi di stabilità, specialmente nel posteriore della moto. Abbiamo risolto questo problema, ma ne sono arrivati degli altri. A questo punto, non capiamo quale può essere l'assetto ideale. Ci eravamo trovati bene con la vecchia moto, ma credo che anche questa sia buona.

Domanda: Per quello che riguarda le piste tecniche, impieghi più tempo per adattarti al tracciato o procedi con la stessa velocità che sulle piste meno tecniche.

Valetino Rossi: Di solito mi piacciono piste più tecniche e difficili. Mi piacciono quelle abbastanza veloci, ma anche su quelle più tecniche e più complicate mi trovo bene. Quello che conta sono le condizioni della superficie: se c'è una buona aderenza e se non ci sono molte buche. Perché adesso le moto sono veramente molto veloci. Mi piace avere un buon asfalto e credo che il disegno del tracciato venga in seguito e che non sia il vero problema.

Tags:
MotoGP, 2005, Valentino Rossi

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›