Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Gibernau si prepara ad dare l'assalto al nuovo circuito di Shanghai

Gibernau si prepara ad dare l'assalto al nuovo circuito di Shanghai

Gibernau si prepara ad dare l'assalto al nuovo circuito di Shanghai

Sete Gibernau questo fine settimana a Shanghai avrà occasione di recuperare il terreno perso qualche giorno fa a Estoril. La caduta sul tracciato portoghese lo ha lasciato al quinto posto della generale, distaccato di 25 punti dal capoclassifica, il suo grande rivale nella lotta per il titolo Valentino Rossi. Il suo principale obiettivo nel paese asiatico sarà quello di conquistare la prima vittoria della stagione e dimenticare la delusione rimediata nei primi due appuntamenti dell'anno, nei quali le cose non sono andate affatto come avrebbe desiderato.

Non sarà un impresa facile, soprattutto se si considera che il faraonico scenario del Gran Premio taobao.com della Cina è una pista del tutto sconosciuta per team e piloti, anche se questo, a priori, permette a tutti di competere ad armi pari. È proprio per questo che una prima analisi del tracciato è fondamentale per trovare rapidamente una buona messa a punto per la moto.

Gibernau e il suo capo meccanico Juan Martínez, passeranno la mattina del giovedì cercando somiglianze tra il tracciato di Shanghai e altre piste del calendario del Motomondiale. "Dovremo prendere in esame il disegno delle curve a destra e a sinistra, la lunghezza dei rettilinei e qualche altra cosa. Ci si può fare un'idea di quello che in seguito scoprirai sulla moto, ma si tratta solo di qualche riferimento di base", ha indicato Gibernau. Nel pomeriggio potranno girare sulla pista in scooter e raccogliere qualche informazione in più, che sarà estremamente utile per iniziare ad individuare la direzione in cui muoversi venerdì, nella prima giornata di prove.

"Per conoscere una pista", sostiene Juan Martínez "Ci si basa sempre su tre parametri di base: lunghezza, raggi delle curve e dislivelli. Questi dati ti permettono di orientarti per una prima messa a punto della moto: sono una base sulla quale si può iniziare a lavorare. La lunghezza è importante per configurare il cambio, mentre i raggi delle curve e l'inclinazione vengono utilizzati per trovare il setting per le sospensioni e per la geometria della moto".

Lo spagnolo spera che il primo GP su questo nuovo tracciato gli riservi giornate positive, proprio come era successo la scorsa stagione, in occasione della prima visita del Motomondiale nel circuito Losail del Qatar, dove era riuscito a vincere. "Sono sempre stato fortunato nelle piste nuove e spero di non smentire questa tradizione".

Dopo un primo sguardo al disegno del tracciato, quello che Gibernau sottolinea del circuito cinese sono "i due lunghi rettilinei e le due curve di quasi 360º. Sarà importante imparare a conoscere la pista il più rapidamente possibile per poter disputare il turno di prove di qualificazione con i compiti fatti e poter guadagnare una buona posizione sulla griglia di partenza".

Il suo capo meccanico aggiunge che "in un tracciato nuovo si possono verificare situazioni impreviste che ti obbligano a reagire rapidamente, mentre nei soliti circuiti arrivi sempre con buona parte del lavoro già svolto, anche se in definitiva il procedimento deve essere lo stesso. Indipendentemente dal circuito sul quale di trovi, i problemi che possono presentarsi sono sempre gli stessi, ma in alcuni tracciati sono più frequenti che in altri. Sono sicuro però che non avremo troppe sorprese".

Tags:
MotoGP, 2005, TAOBAO.COM GRAND PRIX OF CHINA

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›