Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Doppia delusione a Shanghai per il team Camel Honda

Doppia delusione a Shanghai per il team Camel Honda

Doppia delusione a Shanghai per il team Camel Honda

Dopo la splendida vittoria a Estoril di due settimane fa, Alex Barros domenica a Shanghai si è dovuto accontentare dell'undicesima posizione. Il pilota brasiliano è stato penalizzato con un "ride through", un passaggio attraverso la corsia box, per aver anticipato la partenza nel primo GP cinese della storia.

Con questa infrazione del regolamento la sua Honda aveva raggiunto la settima posizione, alle spalle di Marco Melandri, prima di scivolare in fondo al gruppo per la penalizzazione.

Dopo il ride through, Barros ha stabilito il giro più veloce, in 2´13.716. Ma a quel punto non c'erano più possibilità di raggiungere i piloti di testa e il pilota del Camel Honda ha tagliato il traguardo in una deludente undicesima posizione.

"Un'occasione persa", ha detto dopo la gara. "Il "driving through" ha condizionato tutta la mia gara, che è stata per forza tutta in recupero. Tra l'altro ho avuto grossi problemi di visibilità, tanto che ogni giro sul rettilineo non mi bastava aprire la visiera ma dovevo passare il guanto per togliere un po' di appannamento".

"Non mi sono accorto di aver fatto partenza anticipata, mi sembrava che la moto si fosse mossa impercettibilmente; poi sono scattato male al via e mi sono trovato in gruppo di piloti che commettevano molti errori. Era dura superare perché facevano traiettorie strane però ho subito cominciato a recuperare ed ero in settima posizione dietro a Melandri, quando mi sono accorto della segnalazione di penalità. Sono entrato subito nella pit lane perché rispetto quello che mi segnala la squadra ed il direttore di gara".

"Mi spiace perché potevo recuperare dei punti su Rossi ed invece ho perso questa possibilità. Non voglio pensarci più e concentrarmi sul prossimo obiettivo, Le Mans tra due settimane".

La gara ha riservato una delusione anche al compagno di squadra Troy Bayliss, caduto nel corso del quarto giro. L'avvio di stagione dell'australiano non è stato dei migliori: undicesimo a Estoril due settimane prima e il sesto posto a Jerez.

"Sono proprio deluso perchè oggi si poteva fare un bel risultato. Questa mattina nel warm up avevo davvero un buon feeling sotto la pioggia forte e mi sentivo molto fiducioso per la gara. Ma più tardi, in gara, la gomma slittava moltissimo e dopo la partenza mi sono trovato in decima posizione o giù di lì".

"C'era tantissima acqua e nel quarto giro nella lunga curva a sinistra ho perso la gomma dietro. Che dire, a volte le gare vanno così. Tutto quello che posso fare è pensare di far bene nel prossimo GP."

Il Team Manager Sito Pons ha commentato: "Mi dispiace, mi dispiace proprio per come è andata perchè noi oggi abbiamo il pilota e le condizioni per vincere. Alex è stato il più veloce della gara, ma ha sbagliato in partenza e questi errori si pagano. Senza la penalità, oggi avrebbe lottato per la vittoria e anche la situazione in campionato sarebbe chiaramente migliore. In ogni caso, siamo solo al terzo Gran Premio, abbiamo perso qualche punto ma Alex ha dimostrato di essere un pilota che conta per il mondiale".

"E' veloce in ogni condizione, sia sul bagnato come ha fatto vedere oggi, sia sull'asciutto come due domeniche fa. Sono dispiaciuto anche per Troy che è caduto, forse un po' troppo presto, per la voglia di recuperare, quando poteva magari aspettare di capire meglio le condizioni della pista e delle gomme. E' un lottatore ed ha rischiato il tutto per tutto".

Il team Camel Honda adesso dovrà aspettare due settimane e cercare di ricuperare il terreno perso al GP in Francia. Anche se il risultato ottenuto in Cina non è stato quello desiderato, Alex Barros occupa la terza posizione della classifica provvisoria del campionato con 43 punti, grazie alla vittoria a Estoril e alla quarta posizione a Jerez.

Tags:
MotoGP, 2005, TAOBAO.COM GRAND PRIX OF CHINA, Alex Barros

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›