Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Mamola ricorda la prima vittoria della Yamaha a Le Mans

Mamola ricorda la prima vittoria della Yamaha a Le Mans

Mamola ricorda la prima vittoria della Yamaha a Le Mans

La scorsa stagione il circuito di Le Mans e la pioggia erano due ostacoli importanti per la Yamaha, mentre quasi vent'anni fa fu proprio una combinazione di questi due ingredienti a permettere alla marca del diapason di conquistare la prima vittoria nel circuito Bugatti.

L'ottava prova del Motomondiale della 500cc del 1987 venne vinta da Randy Mamola, che riuscì a tagliare il traguardo con 34 secondi di vantaggio sull'Honda di Pierfrancesco Chili. Era la seconda volta che il pilota americano vinceva sul bagnato, dopo il trionfo alla gara inaugurale della stagione, a Suzuka, ottenuto con un margine ancora maggiore sugli inseguitori.

"La risposta della YZR era molto buona: era veloce nelle chicane, quindi era perfetta per Le Mans", ricorda Mamola, che quell'anno concluse la stagione nella seconda posizione, alle spalle di Wayne Gardner. "In precedenza ero già salito sul podio di Le Mans in due occasioni con altri costruttori ed è stato un privilegio potervi conquistare la prima vittoria con la Yamaha".

"Il tracciato francese, dalla storia leggendaria, è ormai diventato sinonimo di competizioni e attualmente non c'è nessun circuito che lavora tanto per ospitare una prova del Motomondiale. I tifosi sono incredibili e quello che si prova nella curva una quando li si sente gridare è un'esperienza indimenticabile, soprattutto se sei in testa!".

Mamola ha gareggiato per non meno di 14 anni ai massimi livelli delle competizioni motociclistiche e ammette che il periodo passato nella scuderia ufficiale Yamaha, diretta da Kenny Roberts che per lui era un idolo, è stato uno dei più importanti della sua carriera.

"Quando avevo 14 anni venni ingaggiato dalla Yamaha USA la mia prima moto fu una Yamaha TA125. A quel tempo Kenny Roberts era il più forte dirt-tracker dell'America ed era il mio eroe. Gli chiedevo di firmarmi dei poster da appendere nella mia stanza. Nel 1986 ebbi l'occasione di correre con la Yamaha nel Campionato del Mondo e di fare parte della struttura ufficiale. Era un sogno che si avverava per me."

Tags:
MotoGP, 2005, GRAND PRIX ALICE DE FRANCE

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›