Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Reazioni dei piloti della MotoGP

Reazioni dei piloti della MotoGP

Reazioni dei piloti della MotoGP

Alex Barros (Camel Honda) - 1º: "Le condizioni meteo oggi erano molto particolari, in continuo cambiamento. Prima abbiamo trovato una base abbastanza buona per la messa a punto sull'asciutto, ma anche dopo che un acquazzone ha bagnato la pista mi sono sentito a mio agio sulla moto ed ho potuto girare bene. L'asfalto non era molto bagnato ma volevo avere un'idea del grip che offriva con la gomma da pioggia: buono direi, almeno finché non si è asciugato un po' troppo per la gomma da acqua. Adesso speriamo solo che il tempo si decida in una o nell'atra direzione".

Sete Gibernau (Telefonica Movistar) - 2º: "Dopo i problemi che abbiamo avuto in Cina, arrivo a Le Mans carico e motivato. Abbiamo iniziato questo Gran Premio con sensazioni positive lavorando bene fin dalle libere della mattina, Il tempo non ci aiuta molto ma siamo preparati e competitivi sia sull'asciutto che sul bagnato".

Max Biaggi (Repsol Honda) - 3º: "Giornata strana. Prima umido, poi asciutto, poi bagnato. Ma il nostro lavoro prosegue sempre nella stessa direzione: migliorare il comportamento della moto in curva, in particolare in fase di entrata. La decelerazione rimane il punto debole della mia RCV sin dalla prima gara. Oggi il distacco dai più veloci è più contenuto ma dipende anche dal circuito. Le Mans è una pista stretta e abbastanza lenta che livella molto i valori in campo. Quello di cui ho bisogno per tornare a guidare come piace a me non è qualcosa che possiamo trovare nel week-end di gara, ci vuole un cambiamento di altra natura e spero che la Honda stia preparando qualcosa per il Mugello. Io ed il mio team continuiamo a dare il massimo. Difficile sbilanciarsi per domenica, anche perché minaccia pioggia. Comunque questa pista mi è sempre piaciuta".

Colin Edwards (Gauolises Yamaha) - 4º: "Girando sull'1'34 mi trovavo molto comodo e la moto andava perfettamente. Abbiamo cominciato la sessione del pomeriggio provando pneumatici ma non abbiamo trovato quello che stavamo cercando. Abbiamo montato di nuovo le gomme che stavamo utilizzando, ma poi ha iniziato a piovere. Non sappiamo quello che succederà nel corso del fine settimana, ma indipendentemente dal tempo che farà, pioggia, grandine, neve o sole, sarò preparato".

Valentino Rossi (Gauolises Yamaha) - 5º: "Abbiamo provato delle gomme Michelin all'inizio della sessione del pomeriggio e forse abbiamo perso troppo tempo. Ha cominciato a piovere e non siamo riusciti a fare cambiamenti nel foglio dei tempi. Ma non è molto importante perché erano solo le prove. In quelle condizioni, con settori più asciutti e altri bagnati, non siamo riusciti a imparare molte cose. Questa mattina le cose erano andate bene ed ero fiducioso di poter lavorare bene nel pomeriggio. Spero che riusciremo a trovare una buona messa a punto, come in Cina, anche se preferirei correre sull'asciutto. Sono un po' stanco, perché sembra che il maltempo ci perseguiti. Quando arriva l'estate". Shinya Nakano (Kawasaki Racing) - 6º: "È stato un giorno strano a causa del tempo, ma sono molto soddisfatto del nostro risultato sull'asciutto, specialmente durante la mattina. Alcune parti del motore sono migliorate, specialmente nella risposta in accelerazione, fondamentale su questa pista. Domani mi dovrò concentrare soprattutto nell'accelerazione in uscita dalle curve più lente di Le Mans. Mi sono trovato meglio sull'asfalto bagnato qui che in Cina".

Marco Melandri (Telefonica Movistar) - 7º: "E' stato un giorno difficile ma sono soddisfatto del lavoro fatto. Questa mattina abbiamo avuto dei problemi che abbiamo analizzato dopo le prove. Già dalle libere del pomeriggio il feeling con la moto è migliorato. La pioggia ha interrotto il programma di messa a punto sull'asciutto che speriamo di continuare domani. Abbiamo infatti le idee chiare sugli interventi da fare. Abbiamo fatto anche alcuni giri sul bagnato per raccogliere le prime sensazioni".

Carlos Checa (Ducati Marlboro) - 9º: "Questo meteo è davvero un grosso ostacolo per noi: dobbiamo cominciare ogni weekend da zero, quindi avremmo bisogno di girare sull'asciutto per poter raccogliere dati. Ma comunque anche testare sul bagnato è utile a imparare cose nuove, specialmente sul set-up del motore, che possono servire anche con l'asciutto. Dobbiamo lavorare per avere maggiore aderenza sul bagnato ma sono già molto soddisfatto del comportamento della mia moto sull'asciutto: sento che è ben bilanciata".

Nicky Hayden (Repsol Honda) – 10º: "Sembra che la pioggia ci abbia seguiti dalla Cina! Non mi posso lamentare, dal momento che siamo tutti nelle stesse condizioni. Dobbiamo solo cercare di rendere al massimo. Credo che sarà uno di quei fine settimana con tempo variabile ce ci obbligherà a trovare un assetto adatto a tutte le condizioni. Nel complesso la moto non va male. Siamo veloci enlla prima parte del tracciato, ma nell'ultimo settore perdiamo un po' di tempo".

Loris Capirossi (Ducati Marlboro) - 11º: "Questa mattina avevamo dei problemi. Nel pomeriggio siamo riusciti a risolverli ma poi abbiamo avuto solo quindici minuti per girare con la pista asciutta perché ha cominciato a piovere. Comunque, meteo a parte, per il momento sono molto più soddisfatto di quanto non sia solitamente a questo punto: dobbiamo ancora lavorare per la distanza ma sono contento della moto e delle gomme sull'asciutto".

Toni Elías (Fortuna Yamaha) - 13º: "Mi è sempre piaciuta questa pista, quindi non vedo l'ora che arrivi il giorno della gara. In Cina abbiamo fatto notevoli progressi e sembra che anche qui in Francia continuiamo a muoverci nella stessa direzione quando giriamo sull'asciutto. Nel pomeriggio, con la pioggia, abbiamo provato a usare la soluzione adottata in Cina. Anche se siamo andati bene c'è ancora spazio per migliorare. Il cambio di categoria non è facile ma ogni giorno mi diverto di più".

Troy Bayliss (Camel Honda) - 14º: "Stavamo cominciando a girare più forte nel pomeriggio quando è cominciato anche a piovere. Poteva essere una buona occasione di verificare che tipo di aderenza offriva l'asfalto bagnato, dato che Le Mans notoriamente non ha tanto grip in queste condizioni ma non è piovuto abbastanza, almeno durante il nostro turno, dopo è venuto il diluvio. Non ci resta che aspettare domani sperando in una condizione più definita".

Olivier Jacque (Kawasaki Racing) - 15º: "Ho bisogno di continuare a girare sull'asciutto per poter dominare meglio la moto e la messa a punto, è una cosa che è emersa dalla giornata di oggi. Mi sono trovato bene sul bagnato e spero che questo fine settimana piova. Sull'asciutto il pilota può fare la differenza. L'abilità sull'asciutto è importante, ma meno che sul bagnato. I miei tempi sono migliorati ogni volta che sono uscito in pista, ma con questa quattro tempi, il sistema del freno motore, la accelerazione e le sospensioni sono molto importanti se la pista è asciutta. Corro in casa, sono concentrato e non sento alcuna pressione".

Rubén Xaus (Fortuna Yamaha) - 16º: "Stavo seguendo Capirossi e Kenny Roberts quando ho visto che non riuscivano a tenere la traiettoria. Allora ho visto le bandiere che indicavano che stava piovendo. Ma prima che potessi reagire, ho perso l'anteriore e sono finito per terra. La sfortuna mi perseguita. Spero che domani sia un giorno migliore".

Roberto Rolfo (D´Antín Pramac) 17°: `Abbiamo fatto un buon lavoro, cercando di migliorare soprattutto l'assetto della moto per trovare più trazione. Direi che la Desmosedici GP04 è migliorata; oggi pomeriggio l'ho sentita meglio ed infatti ho subito migliorato il mio tempo del mattino.
Faccio ancora un po' fatica a guidarla nell'ultima parte della pista ma stiamo lavorando duro, così da poter riuscire anche ad avere un ritmo più costante sul giro. Per domani vedremo, preferisco sicuramente l'asciutto perché non abbiamo trovato il perfetto assetto per la pioggia."

Jurgen van den Goorbergh (Konica Minolta Honda) - 21º: "Oggi è stato un giorno molto duro per noi. Abbiamo saltato la prima ora di prove su pista asciutta per permettere al pilota numero uno della squadra, Makoto Tamada, di valutare le sue condizioni fisiche. Ora, nonostante il forfait dell'ultimo minuto di Makoto, grazie alla scelta del Team di portarmi qui come riserva riusciremo lo stesso a gareggiare nel Gran Premio di Francia. La mia speranza è di ripetere la prestazione di Shangai dove dopo un intenso lavoro di adattamento alla moto, sono riuscito a conquistare un soddisfacente sesto posto. Questo pomeriggio ho percorso solo 6 giri con la pista asciutta, dopodichè un acquazzone ha bagnato la pista interrompendo il lavoro svolto nella prima parte delle prove. All'inizio non mi sono sentito a mio agio sulla moto, la RC211V sembrava molto nervosa e quindi ci siamo concentrati per trovare il giusto setting. Il poco tempo a disposizione complica ulteriormente il già difficile lavoro di messa a punto. Domani sarà essenziale per noi percorrere più giri possibili".

Tags:
MotoGP, 2005, GRAND PRIX ALICE DE FRANCE

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›