Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Biaggi assente nelle prove di HRC a Le Mans

Biaggi assente nelle prove di HRC a Le Mans

Biaggi assente nelle prove di HRC a Le Mans

Max Biaggi è risultato uno dei grandi assenti nei test di prova che la maggior parte dei piloti del MotoGP ha realizzato ieri, e che per alcuni continuano anche oggi sul circuito di Le Mans. Durante il warm up prima del GP Alice di Francia, il pilota di Repsol Honda ha sofferto una spettacolare caduta che stava quasi per metterlo fuori gara. Alla fine il romano è riuscito a schierarsi sulla griglia di partenza, e vincendo fastidi e dolori, è riuscito a conquistare l'obiettivo di un meritato quinto posto. Tuttavia, Biaggi si è visto obbligato ad assentarsi dagli allenamenti che aveva progettato con la squadra.

"Sono costretto a lasciare Le Mans senza effettuare i test in programma oggi e domani sulle nuove soluzioni tecniche che l'HRC ha portato qui. Purtroppo i postumi della caduta durante il warm-up di ieri non mi permettono di salire in moto, neanche sul cavalletto", ha detto il pilota romano.

"Come era facile prevedere, i dolori sono aumentati ancora di più a freddo, dopo la gara. In particolare la schiena è coperta di ematomi nella zona lombo sacrale ed è gonfia al punto che non mi si chiudono più i jeans". La parte più danneggiata è quella dell'osso sacro, una struttura ossea situata alla base delle vertebre lombari.

Dopo la caduta, Biaggi ha dovuto essere portato via dalla pista in barella, ed è stato rapidamente trasferito alla Clinica Mobile per essere visitato. Lo staff medico ha segnalato che dovrà stare molto attento anche all'evoluzione del ginocchio. "Anche il ginocchio sinistro ha riportato un brutto trauma che richiede una risonanza magnetica il prima possibile, per capire l'entità del danno".

Biaggi aveva già sofferto una lesione importante durante l'inverno, quando si era fratturato la caviglia. L'italiano, con una guarigione portentosa e contro il tempo, era riapparso nelle ultime settimane del prestagione per preparare l'inizio del Campionato con la Repsol Honda.

"Se ripenso alla caduta devo dire che mi è andata davvero bene e ne sono contento. Perché dopo essere stato proiettato in alto dalla moto sono riatterrato con tutta la violenza direttamente sulla parte bassa della colonna vertebrale, l'unico punto dove la tuta non ha protezioni. Ho sentito un tale crack che pensavo di essermi rotto qualche vertebra. Adesso spero soltanto di recuperare in tempo per il Gran Premio d'Italia".

Tags:
MotoGP, 2005, Max Biaggi

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›