Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Michelin, 40 anni di storia nel MotoGP – seconda parte

Michelin, 40 anni di storia nel MotoGP – seconda parte

Michelin, 40 anni di storia nel MotoGP – seconda parte

Gli anni ‘80 segnarono l'inizio del dominio della Michelin nella categoria regina: ben cinque diversi piloti conquistarono otto titoli mondiali tra il 1981 e il 1989. Gli italiani Marco Lucchinelli (Nava Olio Fiat Suzuki) e Franco Uncini (Gallina Suzuki) riuscirono a contrastare l'egemonia degli americani e degli australiani, che si distinguevano per una guida aggressiva che ricordava molto il dirt track. Era il caso di Freddie Spencer (Honda), Eddie Lawson (Marlboro Yamaha) e Wayne Gardner (Rothmans Honda). Nel settembre del 1987, Gardner si aggiudicò la vittoria numero 100 della Michelin nella categoria regina.

Gli anni '80 segnano anche un importante progresso tecnologico. La Michelin è in testa allo sviluppo dello pneumatico radiale, che rivoluziona i 500cc e sarebbe poi entrato anche a far parte della gamma dei pneumatici da strada. Spencer ottiene il primo trionfo dello pneumatico radiale nel 1984. Da allora in poi, questo concetto di gomma avrebbe trionfato in questa disciplina.

`Con l'arrivo di questo nuovo pneumatico radiale, abbiamo ottenuto un notevolissimo miglioramento dell'aderenza e della stabilità nelle curve, che si affrontavano a gran velocità´, afferma Spencer. `Fu la prima cosa che mi stupì. Si poteva far lavorare lo pneumatico posteriore dal momento in cui si forzava il braccio oscillante, senza per questo riscontrare alcun problema. A metà della stagione del 1985 venne approntato anche il pneumatico radiale anteriore. Quando ne potemmo disporre, riuscivamo a guadagnare due secondi a giro sugli avversari. Era incredibilmente stabile nelle frenate violente´.

La terza parte di questa retrospettiva storica sull'evoluzione della Michelin e la sua relazione con i Gran Premi verrà pubblicata il prossimo fine settimana.

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›