Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Miss Italia in pista al Mugello sulla Ducati Biposto

Miss Italia in pista al Mugello sulla Ducati Biposto

Miss Italia in pista al Mugello sulla Ducati Biposto

Cristina Chiabotto, Miss Italia 2005, ha provato l'ebrezza di un giro di pista sulla Ducati Biposto Demosedici guidata da Randy Mamola, sul circuito del Mugello. La giovane miss torinese ringrazia la Ducati per averle offerto l'opportunità di un'esperienza che difficilmente potrà dimenticare. Cristina è rimasta particolarmente impressionata dalla simpatia della sua guida in questa avventura, l'ex pilota del Mondiale, Randy Mamola.

"E' stata un'emozione incredibile, anche migliore di quanto mi aspettassi, qualcosa che non dimenticherò. Ringrazio moltissimo la Ducati per questa magnifica possibilità e sono davvero orgogliosa di essere stata una passeggera di Randy, è semplicemente un grande!"

Oltre alla bella miss, altri due illustri passeggeri hanno fatto capolino sulla Biposto Ducati, si tratta di Tonio Liuzzi, pilota della Red Bull F1, e Nelson Piquet Jr, figlio del grande Nelson e pilota della GP2.

Con loro Mamola non si è certo risparmiato, dando tutto quello che poteva sul veloce circuito italiano: "L'unica volta che ho guidato la Biposto piú velocemente" ha commentato Mamola "è stato quando ho portato a spasso Luca Cadalora, l'ex campione della 250." Liuzzi è apparso estasiato dell'esperienza: "Amo l'adrenalina, e questa è stata adrenalina pura. È un tipo di pazzia diversa da quella della F1, incredibile! È veramente stupefacente come questi piloti guidino le due ruote, soprattutto quando la linea che separa l'andare veloce e il finire lunghi distesi è così sottile. Eravamo così piegati che pensavo che la faccia toccasse la pista, l'aria era così forte che pensavo sarei volato via. Penso mi comprerò una moto nuova!"

Anche il giovanissimo Piquet, 19 anni, ha dimostrato di aver apprezzato l'eperienza. "Ho fatto un lancio con il paracadute la scorsa settimana e pensavo fosse stata una follia, ma questo è molto peggio. Il solo rimanere attaccato alla moto è stata un'impresa, non oso nemmeno immaginare cosa voglia dire fare il giro in 15 secondi meno di quello che abbiamo impiegato noi!"

Tags:
MotoGP, 2005, GRAN PREMIO ALICE D'ITALIA

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›