Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

75º anniversario per il TT Assen

75º anniversario per il TT Assen

75º anniversario per il TT Assen

Non c'è dubbio, la storia degli sport motoristici su strada in Europa e quella del TT olandese, una storia quest'ultima lunga 80 anni, vanno di pari passo. La magia delle gare sul TT Circuit di Assen è sopravvissuta a ogni tempesta, passando dall'essere una gara sulle strade di campagna nel 1925 all'attuale ‘Cattedrale degli sport motorstici".

È risaputo che il TT olandese è composto da tutta una serie di tradizioni. Le gare sono sempre tenute di sabato, dal 1926 è sempre stato tenuto praticamente sullo stesso tracciato, ed è il solo Gran Premio ad avere fatto parte ininterrottamente di tutti i Campionati del Mondo indetti dalla FIM sino dal 1949.

Dati questi che sono di per sé eccezionali, se paragonata infatti all'Italia, all'Inghilterra o alla Germania in tempi recenti, l'Olanda non può vantare un'industria motoristica di vasta scala. Il paese ha sempre potuto contare su di un clima moderato e i talenti motoristici nascono prevalentemente su tracciati dalla carregiata stretta, dove le gare vengono tenute una volta l'anno. Anche il circuito del TT Assen fino al 1954 era un tracciato dalla carregiata stretta, nonostante sia sempre stato abbastanza più lungo della maggior parte degli altri tracciati, con un circuito di oltre 16 chilometri.

Tutti i migliori piloti sono stati invitati a partecipare al ‘Grote Prijs van Nederland der KNMW' (Grand Prix dei Paesi Bassi del KNMV), perché solo a partire dal 1971 la versione corta del tracciato, chiamato anche Klein-Assen (Piccolo Assen), è stato regolarmente usato per gare del Campionato Nazionale.

Queste strette strade pubbliche a sud di Assen erano fiancheggiate da centinaia di alberi fino al 1955, e celebrità come Jimmy Guthrie, Dorino Serafini e Georg Meier hanno guidato le loro moto alla massima velocità tra questi filari. Già nel 1939, la velocità massima delle Gilera e dei compressori BMW andava facilmente oltre i 200 km/h. Per fortuna, una chicane naturale, un paio di curve all'altezza dell'Oude Tol, imponeva un rallentamento. In punti come Hooghalen e Laaghalerveen, gli spettatori potevano quasi toccare i piloti, o per dirla come Carlo Ubbiali: "Ti vedevi la testa della gente sulla spalla, all'interno delle curve."

Ubbiali è stato protagonista della transizione dal famigerato vecchio tracciato al nuovo percorso di 7,7 km, considerato nel 1955 il più moderno nel mondo. Nonostante il cambiamento, l'atmosfera è comunque rimasta inalterata. Le fattorie all'interno del tracciato sono rimaste, così come immuatata è rimasta l'affluenza del pubblico. Il TT Assen era più di una gara di moto, per molti consisteva in un evento che si ripeteva ogni anno, con l'ultimo sabato di giugno che abitualmente coincideva con il periodo della vacanze estive. La gente veniva nella pittoresca, quasi remota, provincia di Drenthe per vedere sfidarsi da vicino i migliori motociclisti del mondo. Celebrità internazionali in un'atmosfera rurale.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l'inattesa vittoria nel 1948 di Dick Renooy, in sella a una Eysink, coincise con il primo successo di un pilota olandese. L'unica vittoria fino al 1968, quando sul gradino più alto salì Paul Lodewijks su una Jamathi 50cc. Fu il primo di una serie di trionfi olandesi: Wil Hartog (500cc - 1977), Jack Middelburg (500cc - 1980) e Hans Spaan (125cc - 1989). La star del sidecar Egbert Streuer vinse ad Assen contro Bernard Schnieders (1987) e Peter Brown (1991).

In un contesto più internazionale, il Gran Premio di Assen riveste comunque una certa importanza, con figure come Geoff Duke e John Surtees, anche se fu necessario uno sciopero dei piloti nel 1955 per richiamare l'attenzione degli organizzatori sui compensi non proprio generosi che venivano offerti ai concorrenti. Soprattutto I piloti anglosassoni si sono tolti molte soddisfazioni ad Assen, Jim Redman (1964) e Mike Hailwood (1967) vinsero 3 corse in una sola giornata con la loro Honda. Il detentore del record di vittorie è tuttavia un pilota spagnolo, Angel Nieto, con 15 vittorie al TT olandese. Un tormentone constante per i piloti locali della 50cc Aalt Toersen, Jan de Vries e Henk van Kessel.

Mick Doohan quasi fece di Drenthe la sua personale Waterloo, mentre papà Graziano e figlio Valentino (Rossi) hanno entrambi ottenuto una vittoria su questo tracciato. I piloti italiani sono contenti di venire in Olanda, mentre Doohan aveva chiaramente un problema con questo tracciato, del quale non apprezzava le curve con la banchina che considerava anacronistiche. Con lo sviluppo a livello internazionale degli sport, gli organizzatori si trovano ad affrontare conseguentemente tutta una serie di problematiche. Il MotoGP è un evento popolare in tutto il mondo e i paesi asiatici stanno facendo capolino sulla scena. Nel corso degli ultimi anni, il TT Assen ha compiuto notevoli sforzi per migliorare il circuito, per prima cosa in termini di sicurezza del tracciato e di accoglienza dei piloti, delle squadre e degli sponsor. A partire dal 2002 molto è stato investito per il pubblico degli appassionati, con la costruzione di nuove gradinate e parcheggi. Ancora si lavora in tal senso, con la modifica del North Loop che inizierà il prossimo settembre e che vedrà la sua inaugurazione al 76º TT Assen del 2006.

Il 75º TT Assen prenderà il via Sabato 25 giugno, un evento unico nel panorma mondiale delle corse motociclistiche ma non solo, e ancora una volta il circuito TT Assen sarà il solo circuito dove si sfidano i piloti di tutte e tre le discipline del Campionato del Mondo (MotoGP, World Superbikes e World Endurance): un altro esclusivo capitolo nella storia delle competizioni motoristiche.

Tags:
MotoGP, 2005, GAULOISES TT ASSEN

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›