Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Un giro sul circuito di Assen

Un giro sul circuito di Assen

Un giro sul circuito di Assen

Nel corso della sua lunga storia, il circuito di Assen ha subito numerose modifiche. La più recente di queste è stata iniziata nel corso di questa stagione, con un cambio di part del tracciato, dove è stata ridisegnata una zona più lenta, permettendo di aumentare la sicurezza.

Una delle curve importanti, la De Bult, è stata aperta a quasi 90º. Il tracciato di Assen è il tracciato più lungo del calendario del MotoGP, oltre a mantenere un profilo piuttosto urbano. La sua lunghezza totale è stata accorciata di 30 metri, passando dai precedenti 6 km e 27 metri agli attuali 5 km e 997 metri. Una volta che la carovana del MotoGP avrà lasciato Assen, i lavori continueranno sino al 2006. Ultimo obiettivo la riduzione della famosa North Loop.

Si tratta di uno dei tracciati nei quali il carattere dei piloti riveste un ruolo molto significativo. Il tipo di guida si rivela determinante, soprattutto nelle rapide chicane e nei cambi traiettoria, che danno alla pista un aspetto più simile a quello di una strada pubblica che non a un circuito di velocità. Le sospensioni devono compensare gli alti carichi di forza G, prodotta dall'accelerazione, espressi ad Assen.

Per ottenere un buon risultato, è necessario fare affidamento su di un telaio che offra sia agilità che stabilità. Ottenere un buon equilibrio tra queste due caratteristiche non è impresa facile, ma è la sola maniera di ottenere dei buoni tempi. La combinazione rapida di curve, unita a un buon livello di aderenza e ai rapidi cambi di direzione, esigono un carico maggiore sul retrotreno, per evitare che la moto perda in risposta quando si apre il gas.

L'assenza di grandi frenate permette di avere un avantreno più morbido e flessibile. Ad Assen si toccano velocità di punta nell'ordine dei 310 km/h. Pur non essendo il circuito più rapido, la velocità media è di tutto rispetto. Un fattore questo che esige un gran lavoro da parte dei piloti, ma anche del telaio e degli pneumatici. Pur non trattandosi di un tracciato la cui superficie sia abrasiva, il livello di aderenza è piuttosto buono.

Tags:
MotoGP, 2005, GAULOISES TT ASSEN

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›