Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Edwards davanti a Rossi e Hopkins con clima incerto

Edwards davanti a Rossi e Hopkins con clima incerto

Edwards davanti a Rossi e Hopkins con clima incerto

In questa prima giornata di prove libere sul circuito di Donington Park, per il betandawin.com British Grand Prix 2005 della classe MotoGP, il più veloce è risultato lo statunitense Colin Edwards (Gauloises Yamaha), con un tempo di 1'29.960. Edwards ha dalla sua due vittorie ottenute su questo circuito, nel 1999 e nel 2000, quando correva nel Campionato del Mondo di Superbike: "Sono finito terzo ad Assen e secondo a Laguna Seca, penso che sia giunti il momento di conlcudere al primo posto!Mi piace Donington, mi è sempre piaciuta come pista. Ho passato molto tempo in Inghilterra in passato, e per questo ho avuto un incoraggiamento in più da parte dei tifosi locali. La moto è migliorata sempre di più nelle passate settimane, l'obiettivo è chiaramente quello di continuare di questo passo. Mi sono trovato a mio agio fin dal primo giro, così quando ho visto i tempi sul giro ho deciso di buttare giù la testa e vedere cosa sarei stato capace di fare."

Ma protagonista è stato anche il tempo, cielo nuvoloso e leggere precipitazioni che hanno reso la pista scivolosa e la messa a punto delle moto ancora più complessa. Dietro Edwards, il compagno di squadra e attuale leader della classifica Mondiale della MotoGP, Valentino Rossi, distaccato di 25 centesimi. Rossi che ha vinto in 6 delle 7 volte che ha corso a Donington Park, privato della vittoria solo nel 2003 a causa di una penalizzazione.

Terzo tempo per un altro statunitense, è John Hopkins (Suzuki) a 138 centesimi. Dietro Hopkins il pilota brasiliano Alex Barros (Camel Honda) che precede un'altra Honda, quella di Marco Melandri (Telefónica Movistar).

Soddisfazione nelle parole del pilota brasiliano della Camel Honda: "Abbiamo cominciato bene fin dal primo turno di questa mattina. La moto era abbastanza a posto e abbiamo provato solo qualche piccola modifica dell'assetto per il secondo turno. Alla fine si è rivelata una scelta giusta perché nel pomeriggio sono stato il più veloce ma le condizioni della pista non ci hanno permesso di tirare davvero forte quindi sarebbe necessaria un'altra verifica con l'asciutto prima di capire se siamo davvero sulla buona strada. Dobbiamo anche individuare una gomma posteriore giusta per la gara, per l'asciutto, mentre se dovesse piovere non c'è problema di scelta delle gomme."

Dietro l'italiano, che ricordiamo non aver partecipato alla gara di Donington nel 2004 a causa della frattura al pollice rimendiata nel corso delle prove, il compagno di squadra Sete Gibernau.

Settimo tempo per Kenny Roberts Jr. (Suzuki) che precede l'australiano Troy Bayliss (Camel Honda): "Sono abbastanza soddisfatto, perchè qui a Donington come a Laguna Seca mi sono trovato subito a mio agio con la moto. Siamo partiti con il piede giusto come due settimane fa ma quello che adesso voglio è finire meglio! Le condizioni un po' incerte di oggi non ci hanno permesso di fare molte prove ma devo dire che mi sento molto ottimista per questo fine settimana."

Nono tempo per Nicky Hayden (Repsol Honda). Il pilota statunitense vincitore a Laguna Seca due settimane fa, è incorso in una scivolata nel corso della sessione di prove del pomeriggio, nessun danno per il pilota: "Nel pomeriggio sono uscito in pista quando pioveva, poi sono rientrato nuovamente quando senbrava si fosse asciugato un po'. Quindi a ricominciato a piovere, e io ho voluto vedere come mi trovavo in una situazione di bagnato, sfortunatamente ho fatto un errore alla curva 1. È stato un piccolo, stupido errore. Tutta colpa mia, mi spiace per la squadra. Poi sono di nuovo tornato in pista e ha ricominciato a piovere. È stata una giornata caratterizzata da un'errata scelta dei tempi di ingresso in pista. È così che va: alle volte hai delle giornate in cui tutto va bene, altre in cui le cose girano per il verso sbagliato. Questa non è stata proprio una gran giornata."

A chiudere la lista dei primi dieci tempi di questa prima giornata inglese, Loris Capirossi (Ducati Marlboro): "Come tutti, anche io ho pensato che in gara potremmo trovare la pista nelle stesse condizioni in cui era oggi pomeriggio, ma non era il caso di spingere troppo perché sarebbe stato troppo rischioso e non saremmo caduti solo con una buona dose di fortuna. Nel pomeriggio la pista era scivolosa, così non abbiamo potuto provare tutte le gomme che ci ha portato qui la Bridgestone: stasera dovremo decidere, insieme a loro, su quali coperture concentrarci domani. Sono fiducioso per il weekend e contento del comportamento della moto qui, soprattutto nella parte più lenta che l'anno scorso ci dava alcuni problemi".

Infine, solo dodicesimo tempo per Max Biaggi (Repsol Honda): "Le condizioni mete ci hanno molto condizioanto oggi, in mattinata il feeling non era così buono e la velocità era bassa. Abbiamo fatto alcune modifiche e nel pomeriggio la moto si è subito comportata meglio. Il nostro obiettivo è quello di migliorare domani, tenere questo ritmo non è assolutamente accetabile."

Tags:
MotoGP, 2005, betandwin.com BRITISH GRAND PRIX, FP2

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›