Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Un giro On Board sul rapido circuito di Brno

Un giro On Board sul rapido circuito di Brno

Un giro On Board sul rapido circuito di Brno

Il circuito di Brno è ormai uno degli scenari abituali del calendario del Campionato del Mondo di MotoGP degli ultimi anni. Nel 1987 ospitò, per la prima volta, una gara della classe regina del Motomondiale e da allora, con la sola eccezione del 1992, è sempre stato parte del Campionato del Mondo di MotoGP.

La storia del tracciato ceco risale al 1930, si trattava di un tracciato cittadino di 30 chilometri, che si estendeva tra i boschi e le cittadine del paese dell´est europeo. Oltre 100 mila persone seguivano i primi Grand Prix qui tenutisi.

Nel 1984 nasce il nuovo circuito, a 16 chilometri dalla città di Brno, a 200 chilometri a sud est della capitale Praga. Tre anni dopo, l´inaugurazione con il Grand Prix dell´allora Repubblica Cecoslovacca su di un tracciato di 5,4 chilometri.

Le peculiarità del tracciato, situato in una zona collinosa dominata da grandi foreste, con un dislivello complessivo di 73 metri, esige il massimo impegno da parte degli ingegneri. Nonostante la presenza di numerose curve, si tratta comunque di uno dei tracciati più veloci del Campionato del Mondo della MotoGP, con una velocità media di oltre 163 km/h.

La generosa ampiezza della pista, 15 metri, permette ai piloti di disporre di un ampio margine per le traiettorie, soprattutto nell´ingresso in curva.

Un tracciato equilibrato, con otto curve destre e sei sinistre, che non dovrebbe comportare squilibri nell´usura degli pneumatici. Risulta fondamentale, però, la geometria del telaio, vista la presenza di numerose doppie curve. Brno necessita di moto leggere e agili, con un baricentro più basso del solito per agevolare i repentini cambi di direzione.

Cinque delle otto doppie curve del tracciato possono tranquillamente definirsi chcicane, seppur molto veloci. Particolare attenzione deve essere prestata alla decima curva, situata subito dopo una parte in discesa, con una inclinazione del 5%, dove riveste un ruolo fondamentale la configurazione dell´avantreno. Questa è la curva più lenta della pista ceca.

Le curve sono tuttavia molto ampie, il gas viene spalancato con la moto ancora inclinata, è dunque importante gestire la potenza in modo progressivo, particolarmente nelle primissime fasi di uscita di curva.

La potenza delle moto risulta ancora importante nei rettilinei, dove il potenziale delle MotoGP viene sfruttato al massimo. In cicostanze normali solo cinque delle sei marce vengono sfruttate a Brno; la prima viene usata esclusivamente al via.

Il motore viene sfrutatto al massimo dei giri in diverse parti del tracciato, prima e ultima curva le più impegnative: entrambe sono affrontate in seconda.

Tags:
MotoGP, 2005, GAULOISES GRAND PRIX ČESKÉ REPUBLIKY

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›