Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Roberto Cesarini, un punto fermo per Manuel Poggiali

Roberto Cesarini, un punto fermo per Manuel Poggiali

Roberto Cesarini, un punto fermo per Manuel Poggiali

Manuel Poggiali ha recentemente celebrato, in occasione del GP di Brno, il Grand Prix numero 100. A soli 22 anni, si tratta di un risultato piuttosto significativo per il pilota di San Marino, raggiunto anche grazie all´appoggio dello zio Roberto Cesarini, una figura che riveste una grande importanza nella vita di Poggiali.

Nessuno come Cesarini può parlare di quello che è il momento attuale di Poggiali: "Penso che Manuel sia rimasto il pilota di sempre. Conosco Manuel molto bene, mantiene sempre la stessa posizione, che vinca o che perda rimane sempre la stessa persona. Ogni anno inizia la stagione con un solo obiettivo, vincere il titolo. Nella passata stagione raggiungere questo obiettivo non è stato possibile, per diversi motivi. Anche quest´anno sembra essere un obiettivo irraggiungibile. Mancano ancora diverse gare, e Manuel può ancora fare delle buone cose."

Il pilota Gilera è uno dei piloti più regolari della 125, pur non avendo, in questa stagione, ottenuto risultati eclatanti: miglior risultato il quinto posto conquistato in Portogallo. Cesarini assicura che la volontà è quella di tornare in 250 e, un giorno, approdare alla MotoGP.

"Nella sua carriera ci sono stati dei momenti molto buoni, contando che ha solo 22 anni. Abbiamo vissuto esperienze incredibili, come per esempio la prima gara che vinse e che dedicò a suo padre, così come i due Campionati del Mondo vinti a Valencia e in Brasile."

"Il momento più duro della sua carriera è coinciso con il primo anno nel Campionato del Mondo. Eravamo in Olanda quando ricevette la notizia della morte del padre. Fu un momento molto duro sia dal punto di vista personale che sportivo."

Tags:
125cc, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›