Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Un giro On Board sul circuito di Losail, Qatar

Un giro On Board sul circuito di Losail, Qatar

Un giro On Board sul circuito di Losail, Qatar

Il Marlboro Grand Prix of Qatar chiude la trasferta asiatica di questo finale di stagione del Campinato del Mondo di MotoGP, dopo gli appuntamenti in Malesia e Giappone. Il circuito si trova a 20 chilometri da Doha, la capitale del paese arabo. Il circuito di Losail è stato lo scenario, nella passata stagione, del primo GP del Motomondiale svoltosi in Medio Oriente. Costruito a tempo di record, i lavori iniziarono nel dicembre 2003, il circuito arabo è costato 58 milioni di dollari, consentendogli di adempieri a più rigorosi standard di sicurezza e qualità. Il primo pilota a compiere un giro del tracciato fu lo statunitense Randy Mamola, autore di un evento dimostrativo in sella a una Ducati nel corso dell´inaugurazione del circuito nel luglio del 2004.

Il circuito vanta una lunghezza di 5.380 metri e presenta una serie di dieci curve destre e sei sinistre che richiedono di essere affrontate a una velocità piuttosto elevata. Sul rettilineo principale, della lunghezza di 1.068 metri, si possono raggiungere velocutà massime dell´ordine dei 330 km/h.

Il circuito, situato nel mezzo del deserto, ha come principale elemento a sfavore la possibile presenza di sabbia su di una pista altrimenti immacolata. Per ovviare a questo problema sono state inserite delle parti in erba artificiale ai lati della pista, con lo scopo di fare da barriera all´ingresso della sabbia. Un circuito impegnativo per i piloti anche a causa delle condizioni climatiche, contraddistinte da temperature elevate.

Sete Gibernau, primo vincitore della gara, dichiara che "(...) il circuito di Losail mi piace perché è vario, offre un po`di tutto e correre lì è abbastanza divertente. Uno degli elemtni distintivi del circuito è la presenza di tre curve destre consecutive."

"Di norma è difficile sorpassare, per via delle condizioni della pista, non è possibile uscire dalla traiettoria ottimale. I due punti migliori, per provare il sorpasso, sono la prima e la ultima curva."

"È un po` che aspetto la gara del Qatar, lo scorso anno lì riuscimmo a conquistare la vittoria e in questa stagione abbiamo svolto su quel circuito dei test invernali. Spero che le informazioni raccolte in marzo ci tornino utili per la messa a punto in funzione della gara di sabato. Spero che questo appuntamento di Losail sia un intermezzo felice in una stagione tanto difficile. Purtroppo è anche vero che quando le cose vanno male, vanno male fino in fondo. Mentalmente continuo a credere in me stesso, ho solo bisogno di un giro di fortuna. Spero di riuscire a vincere, questo fine settimana."

Come in Olanda, la gara è anticipata alla giornata di sabato.

Tags:
MotoGP, 2005, MARLBORO GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›