Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

I piloti del MotoGP nei panni dei nomadi del deserto

I piloti del MotoGP nei panni dei nomadi del deserto

I piloti del MotoGP nei panni dei nomadi del deserto

Alcuni dei piloti del Campionato del Mondo di MotoGP hanno lasciato da parte le moto per un giorno, alla vigilia della prima giornata del Marlboro Grand Prix of Qatar, per concedersi l´opportunità di fare `un giro´ in sella a un mezzo di trasporto un po` più lento di quello a cui sono abituati, ma certamente più comune nella regione: il cammello.

Nicky Hayden, Carlos Checa e Olivier Jacque hanno approfittato dell´occasione per l´insolita passeggiatta nel deserto. Dopo di loro è stata la volta dei piloti della 250 Sebastian Porto, vincitore a Loasail nella passata stagione, Casey Storner, fresco vincitore del GP di Sepang, e Andrea Dovizioso. In sella ai cammelli, c´è stato spazio anche per i piloti della ottavo di litro, Thomas Lüthi, Mika Kallio e Mattia Pasini.

Un´esperienza divertente che è piaciuta a tutti, nonostante l´unanime riconoscimento della difficoltà non solo di salire in sella all´inconsueto mezzo di trasporto, quanto anche alla forza necessaria a mantenere l´equilibrio una volta raggiunta la posizione di guida. In questa circostanza i piloti hanno avuto modo di conoscere i modi di vita delle popolazioni nomadi del deserto, tradizionalmente i principali beneficiari dei cammelli.

Sono state inoltre allestite tre Haimas, le tradizionali tende dei nomadi del deserto, nelle vicinanze del circuito, dove i piloti hanno avuto modo di apprendere le tecniche per la preparazione del pane e dei dolci, così come quelle necessarie alla creazione dei tradizionali tatuaggi di henna con i quali le donne della regione usano decorare la loro pelle.

Per quanto concerne l´aspetto più propriamente agonistico, Nicky Hayden ha tenuto ha sottolineare cone l´appuntamento di Losail sia più difficilmente aperto a sorprese, dal momento che la maggior parte dei piloti conoscono bene il tracciato. La sola preoccupazione rimane la possibile presenza di sabbia sulla pista.

Casey Stoner, da parte sua, ha sottolineato l´intenzione di vincere ancora prima della fine della stagione. Per il momento, ha aggiunto Stoner, la sua sola preoccupazione è la stagione corrente, nessun progetto ancora per il futuro. Anche i l pilota della 125, Thomas Lüthi, è apparso molto concentrato sulla prossima gara, "dare il massimo per raggiungere il titolo", queste le intenzioni del pilota elvetico, attuale leader della classifica della ottavo di litro.

Tags:
MotoGP, 2005, MARLBORO GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›