Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

I piloti del MotoGP alla scoperta di Istanbul

I piloti del MotoGP alla scoperta di Istanbul

I piloti del MotoGP alla scoperta di Istanbul

È stato installato oggi il paddock del Campionato del Mondo di MotoGP sul suolo di Turchia, penultimo appuntamento della stagione, si tratta del primo GP che si svolgerà qui. I piloti sono giunti sul circuito dopo aver attraversato parte del paese, alcuni di loro hanno avuto il tempo per passare da casa, altri sono giunti qui direttamente dall´Australia, dove nella passata settimana si è svolto il GP di Phillip Island. Tra chi è giunto direttamente, Carlos Checa (Ducati Marlboro) e Shinya Nakano (Kawasaki Racing Team) che hanno potuto visitare alcuni dei luoghi più celebri di Istanbul, tra i quali la moschea di Hagia Sophia e il Grand Bazar, il mercato centrale della città.

Se molto dell´interesse suscitato presso gli appassionati locali riguardo l´arrivo di Valentino Rossi (Gauloises Yamaha), sulla pista l´attenzione è rivolta a Marco Melandri (Movistar Honda) e Nicky Hayden (Repsol Honda), la coppia di piloti emersa come i più attendibili rivali del Campione del Mondo in questa seconda metà di campionato. Ora i due piloti saranno in prima fila nel contendersi il titolo di vice Campione del Mondo di MotoGP.

"Anche se all´inizio della stagione sarebbe stato un sogno poter aspirare al secondo posto nel Campionato del Mondo di MotoGP, adesso questo è il mio principale obiettivo.", ha dichiarato Melandri, "Raggiungerlo sarebbe una buona maniera per ripagare la fiducia accordatami dal mio team manager, Fausto Gresini, e da Honda. Non vedo l´ora di correre su di un circuito nuovo come quello turco. In questa stagione abbiamo già visitato Shanghai, un altro circuito dove nessuno era mai stato, nessuno qui ha dei dati di riferimento, ma lì mi sono subito sentito a mio agio e ho fatto una buona gara. Il circuito sembra bello, questa sarà un´altra gara importante per me."

Al momento Hayden può vantare un leggero vantaggio su Melandri, con il quale condivide il punteggio totale, per via della vittoria conquistata dallo statunitense sul circuito di Laguna Seca. Come per il circuito californiano, anche il circuito di Istanbul ha un senso di corsa antiorario, un dettaglio che per il ragazzo del Kentucky potrebbe rappresentare un leggero vantaggio: "Sono cresciuto su circuiti che avevano il senso di corsa antiorario, mentre i piloti europei sono abituati con l´altro di marcia. Questo potrebbe essere un vantaggio per me. I miei risultati in questa stagione porterebbero a sostenere questa mia tesi, ma mi piace pensare che quale sia il senso di marcia io sarò competitivo in tutti i circuiti che restano."

Tags:
MotoGP, 2005, GRAND PRIX OF TURKEY

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›