Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Melandri il più veloce su una pista insidiosa

Melandri il più veloce su una pista insidiosa

Melandri il più veloce su una pista insidiosa

È di Marco Melandri (Movistar Honda) il miglior tempo, 1´54.639, della prima sessione di prove libere del Grand Prix of Turkey che si svolge sul circuito di Istanbul.

Secondo miglior tempo per il Campione del Mondo Valentino Rossi (Gauloises Yamaha), che ha recuperato negli ultimi giri il divario che lo separava dai primi migliori tempi, portandosi a mezzo secondo dal miglior tempo di Melandri, il solo a essere sceso sotto l´1´55.

Terzo tempo per John Hopkins (Suzuki MotoGP) che correrà in Turchia senza il compagno di squadra Kenny Roberts Jr., infortunatosi a Phillip Island.

Quarto tempo per Sete Gibernau (Movistra Honda) che si era alternato con il compagno di squadra Melandri al comando della classifica per gran parte della sessione. Quinto è il tempo di Colin Edwards (Gauloises Yamaha), seguito dal connazionale Nicky Hayden (Repsol Honda) . Settimo tempo per lo spagnolo Toni Elias (Fortuna Yamaha) che precede il francese Oliviere Jacque (Kawasaki Racing Team), Carlos Checa (Ducati Marlboro) e Shinya Nakano (Kawasaki Racing).

Undicesimo tempo per Max Biaggi (Repsol Honda), che precede Roberto Rolfo (D´Antin Pramac) e Chris Vermeulen, per la seconda volta in sella alla Camel Honda come sostituto di Troy Bayliss. Alex Barros (Camel Honda) è quattordicesimo, davanti a Makoto Tamada (Konica Minolta Honda) e a Shinichi Ito che sostituisce Loris Capirossi in sella alla Ducati Marlboro.

Chiudono la classifica di questa prima sessione di prove, James Ellison e Franco Battaini (Blata WCM), seguiti da Ruben Xaus (Fortuna Yamaha).

Come per le altre classi, anche la sessione della MotoGP è stata aumentata nella durata per dare modo ai piloti di prendere confidenza con una pista sconosciuta a tutti. Da segnalare, a 25 minuti dalla fine della sessione, l´esposizione della bandiera rossa che ha interrotto la sessione per una decina di minuti per ripulire la pista dalla sporco dei numerosi fuori pista. Pista insidiosa, quindi, soprattutto la curva sinistra alla fine del rettilineo di arrivo, stretta e in discesa, che è stata lo scenario di numerosi errori da parte dei piloti.

Temperature in aumento, con esterna a 12º e asfalto a 14º, cielo sempre limpido.

Tags:
MotoGP, 2005, GRAND PRIX OF TURKEY, FP1

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›