Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

In pista a Valencia i piloti della MotoGP

In pista a Valencia i piloti della MotoGP

In pista a Valencia i piloti della MotoGP

Una giornata all'insegna dell'azione quella appena conclusasi sul circuito spagnolo di Valencia, scenario della prima sessione dei test invernali. Una giornata caratterizzata da condizioni climatiche non certo ideali, con temperature piuttosto basse, vento forte e pioggia dalla metà della giornata.

Il debuttante in Repsol Honda, Dani Pedrosa, ha iniziato il suo lavoro di adattamento alla moto 4 tempi, lavorando soprattutto sulla posizione in sella alla RC211V ed effettuando con cautela alcuni giri sul bolide da 240 CV.

"Questa giornata mi ha permesso di avere un primo contatto con la moto, vedere come lavora il team, come si comporta la moto e le gomme. La pista va bene per imparare a conoscere la moto, ma dobbiamo aspettare e vedere cosa succede su delle piste più veloci. La differenza tra una 250 e una MotoGP è molto maggiore rispetto a quella tra una 125 e una 250. La moto è molto più velocee bisogna essere molto attenti, il processo di apprendimento è piuttosto duro."

In pista anche le rosse Ducati del Marlboro team, con un altro spagnolo al debutto con una nuova moto. Si tratta di Sete Gibernau, il pilota barcellonese ha avuto la possibilità di debuttare sulla rossa di Borgo Panigale, girando su di una Desmosedici in configurazione "standard".

"Ogni minuto che passa sono più convinto della scelta che ho fatto! So che è una scelta difficile ma proprio per questo molto motivante e proprio per questo bellissima. La squadra è molto carica, con una gran voglia di far bene. La prima volta è sempre una incognita, ma mi sono trovato davvero molto bene con tutti i ragazzi. Sapevo che sarebbe stato tutto diverso - il motore, il telaio in tubi anziché in alluminio, le gomme Bridgestone, le sospensioni Ohlins - e quindi le sensazioni in sella sono molto diverse."

"Dovrò cambiare in parte il mio stile ed in parte il carattere della moto per 'sentirmi a casa' al 100% ma il potenziale c'è ed è molto buono."

Torna al lavoro anche Loris Capirossi, le cui condizioni fisiche stanno lentamente, ma costantemente, migliorando. Per Capirossi, un test focalizzato sulla prova di un sistema di gestione del freno motore, sulla lunghezza di 19 giri.

"Le mie condizioni fisiche e quelle meteo non ci hanno certo aiutato oggi a svolgere questo delicato test. Il sistema è sicuramente migliorato rispetto alla prima versione che avevamo utilizzato ad inizio anno, ma la pista non era in condizioni adatte a farci capire fino in fondo a che livello è l'evoluzione del sistema. Speriamo che domani faccia bello per continuare il nostro lavoro." Primi giri su di una nuova moto per un ex Ducati, un altro spagnolo, Carlos Checa che non ha auto la possibilità di effettuare molti giri sulla sua nuova Honda del team Pons, a causa di una caduta nella sessione della mattina. Il pilota spagnolo è stato visitato all'ospedale di Valencia, dove è stata esclusa qualsiasi tipo di lesione importante.

Sempre su di una Honda del team Pons, si è visto il debutto del giovane pilota australiano Casey Stoner, probabile compagno dello spagnolo nella prossima stagione.

Un altro debuttante australiano è Chris Vermeulen, al debutto su una moto del team Suzuki MotoGP.

Debutto di Toni Elias sulla Honda del team Gresini, il giovane pilota spagnolo protagnista di un buon finale di stagione dopo che gli infortuni ne avevano condizionato le prestazioni all'inizio dell'anno.

"Sono molto contento di questo primo contatto con la mia nuova moto. Le prime sensazioni sono state più che positive. Per il poco tempo che ho avuto a disposizione posso dire di aver già individuato delle caratteristiche della RC211V che ben si adattano al mio stile di guida e alla mia statura. Ho trovato una moto agile nei cambi di direzione e molto maneggevole. Ancora non mi sento completamente a mio agio, avrò molto da lavoro da fare ma sono sereno e motivato. Mi sono trovato bene anche con la mia nuova squadra, sono con loro da solo due giorni ma posso dire di essermi sentito quasi a casa."

Invitati da Honda, il Campione del Mondo della 125, l'elvetico Thomas Luthi, e il rookie dell'anno della 250, Andrea Dovizioso, hanno avuto l'opportunità di provare la Honda RC211V. 1. Nicky Hayden, Honda - 1'34.4 / 53 laps
2. Marco Melandri(Honda) - 1'34.7 / 8
3. John Hopkins (Suzuki) - 1'34.9
4. Casey Stoner (Honda) - 1'35.0 / 69
5. Carlos Checa (Honda) - 1'35.1 / 33
6. Sete Gibernau (Ducati) - 1'35.2 / 32
7. Daniel Pedrosa (Honda) - 1'35.5 / 62
8. Toni Elías (Honda) - 1'35.7 / 34
9. James Ellison (Ducati) - 1'35.7 / 74
10. Roberto Rolfo (Ducati)- 1'35.7 / 55
11. Nobuatsu Aoki (Suzuki) - 1'35.8 / 41
12. Olivier Jacque (Kawasaki) - 1'35.9 / 32
13. Chris Vermeulen (Suzuki) - 1'36.3
14. Randy De Puniet (Kawasaki) - 1'36.5 / 58
15. Loris Capirossi (Ducati) - 1'36.8 / 17
16. Andrea Dovizios (Honda) - 1'39.5 / 27
17. Thomas Luthi (Honda) - 1'44.2 / 27

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›