Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Laurea Honoris Causa per il dott. Costa

Laurea Honoris Causa per il dott. Costa

Laurea Honoris Causa per il dott. Costa

Nel corso del 2° Convegno Nazionale "Scienze Motorie e Sport", organizzato dal Corso di Laurea in Scienze Motorie dell'Università di Genova, il dott. Claudio Costa è stato insignito di una Laurea Honoris Causa.

Il dott. Costa è l'ideatore e direttore della Clinica Mobile, oramai un'istituzione del Campionato del Mondo di MotoGP, che da anni opera nei Grand Prix di tutto il mondo per la cura e la riabilitazione dei piloti impegnati nelle competizioni motociclistiche.

"È un riconoscimento che prendo volentieri, a nome di tutti quei piloti e quegli eroi che hanno dimostrato che la funzione motoria è fondamentale per la guarigione."

"Lo prendo in nome di tutti coloro che si sono risollevati in fretta da ferite e malattie per tornare ad agire e quindi ritornare con velocità nel pianeta della funzione e coronare così i loro sogni."

Una 'missione', quella del dott. Costa, nata sulle piste motociclistiche come lui stesso racconta: "La mia storia nasce con quella di mio padre e gli episodi che rafforzarono emotivamente e sentimentalmente il mio destino sulla strada del motociclismo sono stati due. La morte di Ray Amm, al debutto sull'MV nella seconda Coppa d'oro Shell dell'11 aprile 1955. Quel giorno desiderai, nel mio dolore, di possedere l'onnipotenza di resuscitarlo."

"E poi ricordo la 4° Coppa d'oro del 1957. Ero lì quando Duke, con la sua Gilera 500, cadde e per primo saltai in pista trascinando in salvo il pilota e poi anche recuperando la moto in modo che non creasse intralcio agli altri corridori."

La Clinica Mobile è ormai una struttura imprescindibile dai GP del Mondiale, una presenza sulla quale tutti i piloti impegnati nel Campionato del Mondo di MotoGP fanno affidamento: "Non è un ospedale viaggiante, ma la casa di chi, affidandosi al miracolo della funzione, è tornato a inseguire i propri sogni e talvolta anche le proprie tragedie."

Tags:
MotoGP, 2005

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›