Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Soprattutto caschi

Soprattutto caschi

Soprattutto caschi

In uno sport dove gli atleti sfrecciano a velocità impressionanti, il contatto con un agente esterno, di solito si tratta dell'asfalto, è comprensibilmente un fattore di rischio eccezionale. Per questo motivo la protezione dei piloti è uno degli elementi fondamentali di questo sport, e i caschi sono tra tutte le protezioni quelle che maggiormente fanno la differenza.

I piloti non scelgono un casco qualsiasi tra quelli comunemente in commercio, si tratta invece di una scelta che viene fatta con la casa produttrice che ne adatta i modelli alle esigenze specifiche del singolo pilota: forma, dimensione e visibilità innanzitutto.

Due delle principali case produttrici, Arai e Shoei, hanno messo a disposizione di motogp.com i loro tecnici per un'esclusiva dimostrazione di quali siano i 'dietro le quinte' di questo fondamentale accessorio.

Oltre al video, motogp.com vi offre la trascrizione dei commenti dei tecnici addetti ai caschi.

Arai

"I piloti non cercano compromessi. In questo momento gli addetti stanno lavorando alle visiere, alla pulizia della mascherina in modo da aiutare la concentrazione dei piloti."

"Di norma ogni pilota ha almeno 4 caschi, uno di questi studiato particolarmente per le condizioni di pioggia e con uno speciale sistema anti-appannamento."

"Siamo stati il primo produttore di caschi nelle competizioni Grand Prix fin dal 1980, adesso siamo presenti in tutte le gare, in Europa, in Australia e in Giappone."

"È un lavoro molto duro, ci sono molte persone che lavorano a questo, alcuni di loro vivono seguendo il Motomondiale, un lavoro piuttosto stancante. Tutte le informaizoni che raccogliamo dai piloti ci sono utili nello sviluppo di quei prodotti che poi raggiungono anche il pubblico."

"La cosa che preoccupa maggiormente i piloti è l'appannamento. Inizialmente anche il peso era una preoccupazione, cercavano sempre di avere il casco più leggero possibile. Adesso la forma e la 'vestibilità' sono gli aspetti che maggiormente li interessano."

Shoei

"Salve, il mio nome è Tomi Hasegawa e lavoro come addetto ai caschi per i piloti del Motomondiale, ta i quali Dovizioso, Porto e Locatelli."

"Questo serve per asciugare i caschi. Quando i piloti rientrano dopo le sessioni, i loro caschi sono sempre bagnati al loro interno. Questo attrezzo serve appunto ad asciugarli."

"Questo è il casco usato nella stagione 2003 da Daijiro Kato. Dopo quella stagione ce lo ha dato in omaggio. Questo tatuaggio con il numero 74 sul mio polso sta a indicare che lui è con noi, lavorerà sempre con noi."

"Questa pellicola è studiata per prevenire l'appannamento della visiera."

Tags:
MotoGP, 2006

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›