Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Parlano i protagonisti della giornata

Parlano i protagonisti della giornata

Parlano i protagonisti della giornata

Kenny Roberts (Team Roberts) - Miglior tempo:
"Era molto tempo che non mi trovavo qui davanti. Abbiamo un buon motore, un buon telaio e gli pneumatici stanno fuznionando bene. Il team sta facendo un buon lavoro, sembra che siamo sulla strada giusta."

Casey Stoner (LCR Honda) - 2º tempo
"Non mi sarei mai aspettato una cosa simile. Le ultime 48 ore sono state un vero incubo. Non lo auguro a nessuno. Questa mattina, appena sceso dall'aereo, ho mangiato una tavoletta di cioccolata ed ho bevuto una lattina di Red Bull mentre Lucio guidava come un matto per portarmi in circuito in tempo per il primo turno di prove. Oggi abbiamo continuato l'ottimo lavoro di messa a punto che avevamo iniziato ad Jerez concentrandoci soprattutto sull'anteriore e cercando maggiore aderenza in accelerazione. Ho usato la stessa gomma anteriore per tutto il tempo nella sessione del pomeriggio e ho fatto il miglior tempo al 19° giro: l'ultimo. Non ho dormito molto negli ultimi due giorni ed ho ancora un po' di raffreddore- mi sento veramente stanco e debole."

Marco Melandri (Fortuna Honda) - 3º tempo
"Sono contento non solo del terzo posto ma soprattutto perché sono arrivato in Qatar sereno e motivato. I test effettuati dopo il GP di Spagna sono stati importanti per capire la direzione da seguire. Devo ringraziare i tecnici di Honda HRC che mi hanno aiutato a migliorare il feeling con la moto. Questa mattina siamo partiti dalla base utilizzata lunedì a Jerez e non abbiamo apportato molti cambiamenti. Questo significa che mi sto avvicinando alla base ideale che meglio si adatta al mio stile di guida. La moto ha lavorato bene e mi sono divertito a guidare su questo tracciato che mi piace molto. Adesso dobbiamo analizzare i dati con la squadra per fare un ulteriore passo avanti."

Colin Edwards (Camel Yamaha) - 4º tempo
"Siamo stati qui per i test invernali e avevamo quindi già una buona messa a punto di partenza, mancano ancora dei dettagli. Quando corri da solo ti sembra di essere sempre molto veloce, poi quando ci sono anche gli altri ti rendi conto che tutti sono veloci."

Loris Capirossi (Ducati Marlboro) - 5º tempo
"Dopo la vittoria di Jerez, il Qatar era un punto interrogativo per noi, ma al termine delle prime prove posso dirmi soddisfatto. Un grazie speciale alla Bridgestone, per il loro impegno e i passi avanti che fanno. L'anteriore va decisamente bene. Abbiamo provato diverse coperture posteriori, una delle quali si è dimostrata valida e costante: con questa ho migliorato il mio tempo all'ultima uscita, dopo 7-8 giri. Questa volta non siamo i favoriti, come a Jerez, ma credo che potremo essere della partita. Oggi pomeriggio abbiamo lavorato davvero bene, modificando parecchio la geometria della moto e domani continueremo con lo stesso impegno: abbiamo cominciato la stagione nel migliore dei modi e vogliamo continuare così. La pista è migliorata, com'è normale che sia: con il passare del tempo si 'gomma' sempre di più e 15° in meno la rendono ovviamente più veloce."

Valentino Rossi (Camel Yamaha) - 6º tempo
"Ci troviamo molto meglio che non a Jerez. Stiamo tornando a provare il feeling con la moto, guido come mi piace e con il team stiamo lavorando per avere sempre più grip ed essere ogni volta più veloci. Sarà comunque un Grand Prix duro perché ci sono piloti molto veloci e siamo tutti molto vicini."

Dani Pedrosa (Repsol Honda) - 7º tempo
"Fa meno caldo dell'anno passato, ma bisogna fare comunque molto lavoro per adattarsi alle condizioni di questo circuito. Si tratta di un tracciato con un rettilineo molto veloce e quindi molte curve, sia destre che sinistre. Dobbiamo trovare la migliore messa a punto per questa pista."

Toni Elias (Fortuna Honda) - 8º tempo
"Sono soddisfatto del lavoro svolto insieme alla squadra. Il Losail è un tracciato molto difficile e questa mattina abbiamo faticato abbastanza. Abbiamo lavorato molto sulle sospensioni e infine abbiamo trovato la giusta soluzione che mi ha permesso di fare un passo in avanti. Grazie alla modifica apportata il mio feeling è migliorato e così ho potuto iniziare a provare diverse gomme Michelin. Dobbiamo migliorare alcuni particolari ma sono contento del salto qualitativo che abbiamo fatto."

Sete Gibernau (Ducati Marlboro) - 10º tempo
"Il decimo tempo non è certamente ottimo ma nel pomeriggio abbiamo fatto buoni progressi e la moto sta migliorando. La messa a punto della Desmosedici GP6 non è semplicissima e sappiamo che richiede impegno, ma ad ogni sessione di prove vediamo dei miglioramenti. Dobbiamo ancora fare molta strada ma comincio a sentirmi bene in sella, ad avere un buon feeling. Spero che domani potremo migliorare ancora ma già oggi siamo a solo mezzo secondo dal passo ideale per la gara, quindi sono fiducioso. Sapevamo che la prima giornata sarebbe stata tosta, e siamo pronti a lavorare a testa bassa anche domani."

Shinya Nakano (Kawasaki Racing) - 13º tempo
"Oggi non sono riuscito a trovare il ritmo giusto. Siamo un po' distanti dalla migliore messa a punto, non tanto lontani, ma un po' sì. Perdevo aderenza all'anteriore e al posteriore e questo non mi ha permesso di spingere come avrei voluto. Su questo tracciato le gomme rivestono un ruolo fondamentale, domani ci concentreremo sulla scelta della migliore gomma tra quelle che Bridgestone ci ha portato qui."

Alex Hofmann (Pramac d'Antin) - 15º tempo
"Oggi le cose sono andate abbastanza bene, la squadra ha fatto un bel lavoro. Sono riuscito ad ottenere un buon tempo a fine turno, senza usare gomme da qualifica. Una bella soddisfazione dopo le difficoltà che avevamo avuto negli ultimi tempi, sono contento di poter iniziare a divertirmi in pista, su un tracciato sicuramente più adatto a noi rispetto alle altre piste. Ho tantissima voglia di azione e di fare bene; il mio obbiettivo è quello di ridurre il più possibile il mio distacco dai primi, ed oggi, riuscivo già a stare più vicino agli altri. L'anno scorso non c'ero perché mi ero fatto male in Giappone ma dal 2004 la pista è migliorata tantissimo se vogliamo parlare di aderenza. Certo c'è un po' di sabbia e non sarà mai una delle piste con più grip, ma mi piace questo circuito e sono molto carico!"

Randy de Puniet (Kawasaki Racing) - 18º tempo
"Ieri la mia mano stava meglio, oggi quando mi sono svegliato, invece, anche solo aprire la bottiglia dell'acqua mi faceva male. Forse ho dormito con la mano nella posizione sbagliata, non so cosa dire. In moto, questa mattina, mi faceva male il dorso in frenata e il polso in accelerazione. Nella pausa di metà giornata ho fatto visita al centro medico e ho preso degli antidolorifici. Nel pomeriggio è andata meglio. Se domani la mano migliorerà, miglioreranno anche i miei tempi."

Jose Luis Cardos (Pramac d'Antin) - 19º tempo
"Oggi ci siamo concentrati sulle gomme ed è stato fatto un buon lavoro. Abbiamo individuato una gomma anteriore discreta e così domani avremo la possibilità di occuparci del setting generale della moto. Dobbiamo renderla più maneggevole, oggi avevo alcune difficoltà negli inserimenti in curva. In ogni caso, questa è una pista che mi piace molto, l'anno scorso in Superbike sono andato molto forte e domani farò il mio massimo per ottenere il miglior risultato possibile nelle qualifiche."

Aggiornamenti nel corso della giornata.

Tags:
MotoGP, 2006, COMMERCIALBANK GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›