Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Aspar: "L'ambiente nel team è buono"

Aspar: 'L'ambiente nel team è buono'

Aspar: "L'ambiente nel team è buono"

Jorge "Aspar" Martinez, responsabile del team che porta il suo soprannome, può dirsi soddisfatto: dopo solo due prove del Campionato del Mondo di MotoGP, la classe 125 è già contrassegnata con il suo marchio con due vittorie del suo Alvaro Bautista e quattro piazze del podio occupate da altri dei suoi piloti. Una situazione, quella all'interno del team Master MVA Aspar, che ci presenta lo stesso Martinez.

Domanda: Non si può chiedere di più come inizio di stagione.
Risposta: Iniziare meglio di così è praticamente impossibile. Siamo molto contenti perché a Jerez abbiamo dato una bella prova e siamo tornati a vincere in Qatar. Siamo molto felici di questa situazione e voglio che le cose continuino così anche per la prossima gara in Turchia.

D: Pensavi che Bautista potesse fare un tale inizio di stagione?
R: Erano tre anni che stavo dietro a Bautista, perché è un gran ragazzo e un bravo pilota. Era da questo inverno che ci eravamo resi conto che avrebbe potuto fare dei buoni risultati, certo non potevamo sperare che vincesse le due prime gare, soprattutto nella maniera in cui lo ha fatto.

D: Come vedi, dal tuo punto di vista, la competizione che c'è all'interno del team?
R: Fin dall'inizio eravamo convinti che i nostri piloti sarebbero stati in testa e che avrebbero combattuto tra di loro. Ma sono felice perché le relazioni tra loro sono buone. L'ambiente nel team è molto buono e questa è una cosa che mi inorgoglisce. Ai miei piloti l'ho fatto presente, la sola cosa che gli chiedo è che si rispettino, e penso che questa sia una cosa che c'è. Sarà la pista a dare a ciascuno il proprio ruolo.

D: Manca ancora molto, siamo all'inizio, ma sembra che possiate aspirare a tutto in questa stagione.
R: Siamo presenti nel Mondiale, come team, sin dal 1992. Siamo stati vice Campioni del Mondo, Campioni d'Europa, Campioni di Spagna, ci manca il titolo di Campione del Mondo: questo potrebbe essere l'anno giusto. Tutto sta andando bene,ma non voglio trasmettere troppa euforia. Il Campionato è molto lungo, ogni pista ha le sue peculiarità, a volte troveremo della pioggia, così come ci sono piste più o meno favorevoli. Dobbiamo proseguire con serenità e mantenendo i piedi a terra.

Tags:
125cc, 2006

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›