Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Prossima destinazione: Turchia

Prossima destinazione: Turchia

Prossima destinazione: Turchia

Lasciate le sabbie del Qatar, la carovana mondiale del Campionato del Mondo di MotoGP si sposta alle porte dell'Europa, per il GP di Turchia sul circuito di Istanbul. Si tratta del secondo appunatmanto con la MotoGP per il circuito turco, dopo il debutto della passata stagione.

Alcune leggere modifiche per quanto riguarda l'orario, così come è stato per l'appuntamento di Losail, dal momento che il fuso orario è GMT+3. Per questo motivo, venerdì e sabto il programma seguirà un ritardo di un'ora rispetto al programma abituale. Mentre per quanto riguarda le tre gare della domenica, queste avranno luogo rispettivamente alle 12 (125), 13:13 (250) e 15 (MotoGP) ora locale, così da mantenere lo stesso orario per coloro che seguiranno la gara in Europa.

Nella MotoGP gli occhi di tutti sono puntati su Loris Capirossi, il pilota del team Ducati è chiamato a difendere la leadership della classifica Piloti e, con il compagno di squadra Gibernau, anche quella della classifica Costruttori. Capirossi dovrà vedersela con il sette volte Campione del Mondo Valentino Rossi (Camel Yamaha), ma anche contro le Honda di Nicky Hayden (Respol Honda) e Marco Melandri (Fortuna Honda), quest'ultimo vincitore della scorsa stagione a Istanbul.

Attesa anche per Dani Pedrosa (Repsol Honda) e Toni Elias (Fortuna Honda), i due piloti spagnoli si sono dimostrati in un ottimo stato di forma in questo inizio di stagione. In pista anche Casey Stoner (Honda LCR), che a Istanbul vinse nel 2005 con la 250 e che nella recente prova di Losail ha dimostrato di non aver nessun tipo di timore nei confronti di piloti con più esperienza nella classe regina.

In 250 la possibilità per Jorge Lorenzo di conquistare la terza vittoria di fila, assicurandosi così un discreto vantaggio in classifica e proponendosi come il nuovo mattatore della quarto di litro. Contro di lui non solo il compagno di squadra, Hector Barbera, ma anche Andrea Dovizioso e Roberto Locatelli, che hanno dimostrato di poter dire la loro in questa stagione 2006.

Nella 125 la caccia è aperta allo spagnolo Alvaro Bautista, vincitore delle prime due gare della stagione 2006 della ottavo di litro. Una cilindrata come sempre molto combattuta e che può vantare un folto numero di piloti estremamente competitivi.

Un fattore chiave di questo appuntamento con il circuito turco sarà costituito dal clima, al contrario della passata stagione, quando il GP di Turchia era la penultima prova dell'anno, in questo 2006 i piloti troveranno presumibilmente temperature più miti.

Tags:
MotoGP, 2006, GRAND PRIX OF TURKEY

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›