Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Repsol Honda alla prova del fuoco

Repsol Honda alla prova del fuoco

Repsol Honda alla prova del fuoco

Un esame importante per il team Repsol Honda, che questo fine settimana si troverà ad affrontare uno dei circuiti più impegnativi della stagione, davanti a un pubblico appassionato di tifosi che sosterrà prevalentemente i colori delle rosse Ducati e della gialla M1 di Valentino Rossi.

Nicky Hayden: "Ho molta voglia di andare al Mugello perché è un posto incredibile. I tifosi italiani hanno una grande passione per le moto e correre lì è veramente fantastico. Il tracciato è molto bello, il rettilineo è molto lungo, per questo le gare sono sempre molto combattute. È un Gran Premio importante perché ci attendono molte gare di fila quest'estate.

"Voglio tornare sul podio ancora una volta, dopo averne conquistati otto di fila ed essere rimasto invece all'asciutto a Le Mans. Dovremo inziare già dal venerdì ad avere un livello più alto di quello di Le Mans. Inoltre i piloti italiani corrono in casa e le motivazioni per loro sono quindi maggiori."

Dani Pedrosa: "Il Mugello è uno dei circuiti più complicati del Mondiale. Ha un po' di tutto: curve lente, curve veloci, cambi di pendenza e punti dove la superificie è irregolare. La messa a punto delle sospensioni diventa quindi un fattore determinante."

""Si tratta di un tracciato molto esigente, già è difficile con la 250, penso che lo sarà ancora di più con le MotoGP. Il rettilineo è molto lungo e le velocità che si raggiungono sono per questo molto elevate, per questo anche le impostazioni delle marce sono importanti."

"Spero che il clima ci sia favorevole, fino a questo momento abbiamo avuto molta acqua. Il mio obiettivo al Mugello è lo stesso di quello delle altre gare, dare il meglio e non commettere errori come la scelta degli pneumatici che ho fatto a Le Mans."

Tags:
MotoGP, 2006, GRAN PREMIO D'ITALIA ALICE, Repsol Honda Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›