Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Michelin, le gomme da qualifica

Michelin, le gomme da qualifica

Michelin, le gomme da qualifica

Analiziamo con l'aiuto di Nicolas Goubert, responsabile delle competizioni motociclistiche di Michelin, la resa degli pneumatici da qualifica del produttore francese.

MotoGP.com: Quali sono le peculiarità di uno pneumatico Michelin da qualifica?
Nicolas Goubert: L'aderenza soprattutto, l'aderenza in ingresso di curva. Ma la differenza principale è nell'angolo massimo di inclinazione e nella trazione in uscita di curva.

MotoGP.com: Quali sono le motivazioni per cui alcuni piloti rendono meglio di altri in qualifica?
Nicolas Goubert: L'utilizzo delle gomme da qualifica presuppone un lavoro molto specifico. Ad alcuni piloti non piace spremere la moto fin dal primo giro. Di norma non cercano di essere i migliori, quanto di ottenere la miglior velocità possibile. Valentino è un buon esempio di questo concetto, non dico che non sia bravo con le gomme da qualifica, è un pilota eccezionale in tutto, però quando lo si vede andare con le gomme da gara ci si rende conto davvero di quello che può fare. È un pilota a cui non piace dare il 100% fino a quando non si trova a suo agio con la pista e con la moto. Poi ci sono piloti che invece con le gomme da qualifica riescono a ottenere il massimo delle prestazioni, come Loris Capirossi, per esempio. Anche Casey Stoner mi sembra sia questo tipo di pilota.

MotoGP.com: Non esistono, però, delle gomme da qualifica studiate per una pista bagnata.
Nicolas Goubert: Sarebbe relativamente facile produrle. Sono convinto che alcuni dei nostri concorrenti ci abbia già pensato. Noi non abbiamo questa idea nei nostri programmi.

MotoGP.com: E per quanto riguarda la gomma anteriore?
Nicolas Goubert: Anche in questo caso sarebbe relativamente facile produrla, ma i piloti necessiterebbero di tempo per abituarcisi. Non la abbiamo mai usata, ma ricordo che quando correva in 500 con Sito Pons, Loris Capirossi sceglieva sempre la mescola più morbida possibile per l'anteriore. Tutto sommato non siamo troppo soddisfatti del concetto degli pneumatici da qualifica, se da una parte contribuiscono a ridurre i tempi, dall'altra è vero che tolgono tempo alla messa a punto.

MotoGP.com: Quando è iniziato da parte di Michelin l'utilizzo di questo tipo di pneumatico?
Nicolas Goubert: Abbiamo iniziato a usarlo nel Campionato del Mondo di Superbike, dopo l'introduzione della Super Pole (un solo giro utile per trovare la qualifica per i piloti). Nei GP del Mondiale non ne abbiamo avuto bisogno fino a quando alcuni dei nostri concorrenti ha iniziato a usarli. Abbiamo iniziato in 500, nel 1999.

MotoGP.com: Quante gomme da qualifica Michelin vengono date ai piloti gommati da voi?
Nicolas Goubert: Abbiamo iniziato col fornire due gomme per GP, abbiamo però visto che alcuni concorrenti fornivano un numero maggiore di gomme da qualifica ai propri piloti, così siamo stati al gioco per non rischiare di vedere i nostri piloti fuori dalla prima fila. Da metà della scorsa stagione abbiamo iniziato a fornire tre gomme di questo tipo a ciscun pilota, anche se non tutti i piloti finiscono per impiegarle tutte.

Tags:
MotoGP, 2006

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›