Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Michelin, a Sepang l'incognita sono i rivali

Michelin, a Sepang l'incognita sono i rivali

Michelin, a Sepang l'incognita sono i rivali

Una settimana non facile per Michelin, le Bridgestone arrivano sul circuito di Sepang dove nella passata stagione hanno dimostrato di avere una marcia in più e dove al contrario le gomme francesi hanno faticato. Tutto questo dopo che al rientro dalla pausa estiva le Bridgestone di Capirossi hanno fatto bella mostra di sé sul gradino più alto del podio di Brno.

Ne parliamo con Nicolas Goubert, responsabile della divisione Competizioni Motociclistiche di Michelin.

"Sarà una gara molto interessante perché i nostri risultati nella passata stagione non furono molto buoni. Fu in effetti una gara piuttosto strana, meno di due secondi più veloce della stagione precedente, questo per via delle condizioni non perfette della pista malese. Il grip di Sepang può cambiare senza una ragione apparente, anche se la superficie e la temperatura si mantengono invariate."

"I test effettuati nella pre-stagione non sono andati molto bene, in particolare per il fatto che le moto non erano al livello di evoluzione nel quali si trovano in questo momento e non abbiamo potuto effettuare delle sessioni troppo lunghe."

"Sepang non è una pista troppo aggressiva per gli pneumatici, ma la temperatura è molto alta e i rettilinei sono lunghi, le frenate brusche e ci sono molte curve lunghe a destra che aumentano molto la temperatura sulla fascia destra dello pneumatico."

"L'avantreno risulta fondamentale perché si tratta di una pista molto ampia e l'ingresso in curva tende ad allargarsi ulteriormente. Dovremmo ottenere dei buoni risultati con il nostro nuovo pneumatico anteriore, sia quello più largo che quello più stretto che abbiamo prodotto recentemente. Anche il posteriore ha migliorato la sua aderenza e questo dovrebbe aiutarci nelle curve larghe di Sepang. Dovremo essere più veloci dell'anno passato, ma l'incognita è sapere quale è il livello dei nostri rivali."

Tags:
MotoGP, 2006, MARLBORO MALAYSIAN MOTORCYCLE G.P.

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›