Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Phillip Island, la prova del fuoco per gli pneumatici

Phillip Island, la prova del fuoco per gli pneumatici

Phillip Island, la prova del fuoco per gli pneumatici

Un esame importante quello di Phillip Island, non solo per piloti e moto ma anche per gli pneumatici, che troveranno una pista particolarmente esigente in condizioni climatiche decisamente differenti a quelle incontrate nei precedenti appuntamenti mondiali.

Il responsabile del dipartimento competizioni motociclistiche di Michelin, Nicolas Goubert, ci parla del tracciato australiano e delle sue peculiarità relativamente agli pneumatici.

"Si tratta di un circuito nel vero significato della parola per i piloti, si tratta anche di una grande sfida per le case degli pneumatici, la sifda più difficile della stagione, direi. Si tratta di un tracciato tanto asimmetrico da necessitare gomme posteriori con composti differenti sulle spalle."

"La temperatura delle gomme è da tenere molto in conto perché quest'anno ci aspettiamo delle temperature molto basse. Un fattore non tanto importante per quello che riguarda il lato sinistro delle gomme, dal momento che il tracciato ha varie curve in questa direzione, veloci e lunghe, quanto per il lato destro che non è molto utilizzato."

"C'è bisogno di molta fiducia per attaccare le curve più veloci, dal momento che non ci sono punti che prevedono staccate molto brusche, i composti utilizzati sono del tipo medio-morbido."

Tags:
MotoGP, 2006, GMC AUSTRALIAN GRAND PRIX

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›